martedì 31 agosto 2010

Tijuana, Mexico - 11 Settembre 2010 : Aniversario y Reunión Ejecutiva del Supremo Consejo Omega de México 33º


Zenit del Santo Imperio del Supremo Consejo Omega de Mexico 33º

Misión de San Diego No. 5 Zona del Río
Tijuana, Mexico.
Executive Meeting of Omega Supreme Council of Mexico for Scottish Rite, 33º Mexico´s Freemasonry.

Fonte : SUPREMO CONSEJO OMEGA DE LA REPÚBLICA MEXICANA R.'.E.'.A.'.A.'.

FEDERACIÓN DE GRANDES LOGIAS DEL OCCIDENTE DE MÉXICO

FEDERACIÓN DE GRANDES LOGIAS DEL OCCIDENTE DE MÉXICO


Fonte : Fr.'. Edgardo Padilla

Peru' - Vall.'. de Tacna :TRATADO DE PAZ, AMISTAD, RECONOCIMIENTO MUTUO Y ALIANZA FRATERNAL ENTRE LA GRAN LOGIA PATRIÓTICA DEL PERÚ Y LA GRAN LOGIA DEL SUR DEL PERÚ


A todas las Potencias Masónicas de la Gran Cadena Universal, se os informa que el día 24 de agosto del 2010 e.·.v.·., se firmo en el valle de Tacna - Perú, el Tratado de Paz, Amistad, Reconocimiento Mutuo y Alianza Fraternal entre la Gran Logia Patriótica del Perú y la Gran Logia del Sur del Perú.

Y a la vez informaros que el próximo11 de setiembre se realizara el LL.·. de CC.·. de la R.·.L.·.S.·. HIPATIA DE ALEJANDRÍA Nº6 siendo nuestra primera logia femenina bajo al jurisdicción de la Gran Logia Patriótica del Perú.

Luis F. León Pizarro
Gran Maestro
LIBRES Y SOBERANOS

Fonte : Fr.'. Muratore

Calcutta - The Grand Lodge of Antient, Free & Accepted Masons of India shall hold it's 50th Grand Communication

La Gran Loggia di antient , GRATUITI e Massoni accettati India e tenerlo Il 50o Gran Comunicazione Il 27 e 28 novembre 2010 una Calcutta.

Una grande Affluenza di fratelli e le Loro Famiglie da Tutta l' India e Prevista per la grande festa . This Pagina di Facebook e destinata ad aumentare Il Livello di consapevolezza e diffondere la Parola TRA Logge e Fratelli in Modo da registrare e frequentare in gran NUMERO .




Fonte : Fr.'. Justice Devinder Gupta

lunedì 30 agosto 2010

04 Settembre 2010 - Grande Oriente de São Paulo : CURSO DE INTRODUÇÃO À MAÇONARIA

Convidamos a todos os Mestres Maçons ativos e regulares a participar do segundo módulo do curso de introdução à Maçonaria direcionado aos Mestres Maçons.

O Curso de Introdução à Maçonaria foi desenvolvido em quatro módulos independentes para permitir que os irmãos participem daqueles que mais despertem seus interesses.
Módulo II do Curso de Introdução à Maçonaria
A Lenda do Grau – História e Compreensão do Ritual.

...Público:
Maçons ativos e regulares que tenham alçado o grau de Mestre Maçom
Ministradores
Irmão Omar João Zacharias e Irmão Francisco de Assis

Inscrições
biblioteca@gosp.org.br ou 11.3346.7088 – ramal 150
Aos inscritos solicita-se a doação de um quilo de alimento não perecível para fins de beneficência.

Fonte : maçonaria regular

03 settembre - Essex, MD - Maryland Scottish Rite Freemasonry : Scottish Rite Night Out


The "Scottish Rite Night Out" is a fundraiser to raise money for The Scottish Rite Childhood Speech and Language Center Dragon Boat Team and have some fun with family and friends before the big race. Food and drinks will be available and 100% of tips will go to us. We will also have a DJ and a 50/50 raffle! Please pass the word to all family and friends…the more the merrier! Hope to see you all there and thanks in advance for ......your support and generosity.

If you would like to make a donation to support our team, please visit our website
http://cservice.catholiccharities-md.org/db
click: donate to/find a team or paddler
enter team name: Scottish Rite

Fonte : Maryland Scottish Rite Freemasonry

3 October - Ancient and Accepted Scottish Rite - Valley of Toledo - Swan Creek Metropark (Airport Highway Entrance) : Annual Walk/Run Learning Center Benefit



We’re walking to raise money to help children with dyslexia learn to read and write. Up to 1 in 5 U.S. school children are living with dyslexia. Dyslexia can’t be cured, but it can be overcome. The program offered at the Toledo Children’s Dyslexia Center offers the most effective treatment of its kind in battling this disorder. No one else in the nation has a program remotely like it with one-on-one professional tutoring offered to children free of charge. And we need your help






Fonte : Ancient and Accepted Scottish Rite - Valley of Toledo

La Grande Loge de France ouvre ses portes au public !



Visitez plusieurs sites en France, pour découvrir différents visages de la maçonnerie et de son patrimoine.

Trois siècles d’histoire maçonnique seront retracés par des conférenciers qui commenteront l'évolution des idées inspirées par le siècle des Lumières. Des hommes et des femmes maçons remarquables seront à l’honneur...

Les sites qui se dévoilent :

• Paris, siège de la Grande Loge de France, 8 rue Puteaux – 75017 Paris (Métro Rome)

Voir l'Historique du siège de la Grande Loge de France

• Versailles, 19 bis rue de Limoges - 78000 Versailles
• Montpellier, 2546 avenue de Maurin - 34000 Montpellier
• Montbéliard, 3 rue du Bois Bourgeois - 25200 Montbéliard
• Dijon, 83 rue Berbisey - 21000 Dijon
Horaires d'ouvertures : de 9 heures à 20 heures

Découvrez des personnages hauts en couleur :

• Voltaire (1694-1778) n'appartenait pas à la Grande Loge de France mais il est le symbole de l'interaction entre la Franc-Maçonnerie et la philosophie des Lumières.

• La Fayette (1757-1834), membre du Suprême Conseil, est le symbole de l'interaction entre l'idéal maçonnique et l'action politique,

• Maria Deraisme, (1828-1894) est la première femme à avoir été initiée à la Franc-maçonnerie. Elle a appartenu à la Grande Loge Symbolique écossaise, a participé à l'émancipation de la femme,

• Louise Michel (1830-1905), militante anarchiste et figure majeure de la commune de Paris, initiée le 13 septembre 1904,

• Gustave Mesureur (1847-1925), membre de la Grande Loge Symbolique écossaise puis de la Grande Loge de France, homme politique important,

• Pierre Simon (1925-2008) biologiste, humaniste et homme politique, est à l'origine du planning familial et de la mise en circulation de la contraception. Il a été Grand Maître de la Grande Loge de France.

En pratique
Grande Loge de France – 8, rue Puteaux - 75017
Accès libre de 9 h 30 à 13 heures et de 14 heures à 17 h 30 du lundi au vendredi - tout public
Le samedi uniquement le matin, ou sur rendez-vous au 01 53 42 41 41.
N’hésitez pas à réserver des visites à l’occasion de sorties familiales.

Fonte : GLDF

Comunicat - Marea Lojă Naţională Unidă din România 1880 - 30 august 2010

Iubitul meu Frate,


Anul 2010/6010 marchează pentru toţi Masonii din ţara noastră împlinirea a 130 de ani de la fondarea primei Mari Loji şi 130 de ani de la instituţionalizarea Ordinului nostru pe teritoriul naţional. La 8 septembrie 1880/5880 lua naştere prima Obedienţă românească sub ciocanul unui Frate, ce a marcat şi istoria ţării şi istoria Masoneriei nu doar în România.
Cred că a sosit momentul ca noi, Oameni Liberi şi de Bune Moravuri, să dăm Cezarului ce este al Cezarului... A sosit momentul să privim în spate şi să realizăm că viitorul acestei ţări poate fi susţinut de noi toţi, indiferent de gradele masonice ce ne completează, de paramentele ce ne instituţionalizează demnităţile, şi că reprezentăm un singur vis, o singură dorinţă: aceea de a oferi României oportunitatea de a se afirma ca o Naţiune liberă şi demnă.
Masoneria din România are o rădăcină, iar aceea vine de la 1880 şi de la Constantin Moroiu. Aproape toate riturile practicate astăzi de noi toţi vin de la Constantin Moroiu. Am fost şi am rămas o oază destabilitate masonică în această parte a Europei şi sperăm în continuare să rămânem. Chiar dacă arborele nostru masonic are o coroană atât de ramificată, rădăcina idealului masonic este una şi aceeaşi!
Fratele meu! Datoria fundamentală pentru un Mason este aceea de a-şi sluji Patria şi Ordinul, de a-şi apăra familia şi Fraţii. Uniţi în diversitate! Noi cunoaştem acest motto dincolo de apartenenţa noastră naturală şi logică la Uniunea Europeană. Noi am trăit acest motto secole de-a rândul alături de fraţii noştri turci, germani, maghiari, sârbi, ruşi, italieni, evrei, bulgari şi alţii. De ce să nu îmbrăţişăm aceleaşi sentimente şi în sânul Ordinului nostru, punându-ne cu toţii la dispoziţia societăţii în care trăim şi din care suntem o parte activă?
Te invit s te apleci asupra acestor cuvinte ce nu vin de la un Mare Maestru, ci de la un simplu Frate al Ordinului Masonic Universal. Un Frate, care a înţeles că unitatea şi nu diviziunea este cheia către un viitor mai liniştit, mai prosper şi natural. Fraţii de peste hotare, din Europa, America de Nord, Americade Sud, Asia şi Africa şi-au anunţat deja prezenţa la sărbătorirea a 130 de ani de Masonerie Naţională. Am onoarea şi datoria de te invita personal să te alături nouă, Masonilor, indiferent de originile noastre actuale să ne bucurăm de acest eveniment istoric şi frăţesc.
Primeşte expresia celor mai sincere şi cordiale sentimente de fraternitate, libertate şi egalitate şi invitaţia de a ne bucura cu prezenţa ta la aniversarea celor 130 ai Marii Loji Naţionale Unite din România.

T∴A∴F∴
Fr∴ Liviu MÂNECAN

Fonte : Comunicate Masonice

Buenos Aires, Argentina - 11 de Septiembre - Supremo Consejo Grado 33 para la República Argentina : X CONVENCIÓN ESCOCISTA - Premio y concierto .


El Supremo Consejo Grado 33 para la República Argentina, invita a todos, el día Sábado 11 de Septiembre a las 19 horas en ámbitos de nuestra sede central, calle Presidente Perón 1242, y con motivo del cierre de los 10ma Convención Escocista, a la conferencia que brindará la Profesora Ema Cibotti, bajo el titulo "Juana Manso toma la palabra".


En esta instancia se le entregará a la Señora Cibotti la ORDEN AL MERITO.

La Orquesta de... Cámara Sibelius coronara el evento interpretando:

Primera parte:

* Himno Nacional Argentino
* Pequeña Serenata Nocturna - Wolfgang Amadeus Mozart
* Concerto Grosso alla Rustica en Sol M - Antonio Vivaldi
* Concierto para dos violines en La M - Antonio Vivaldi
* Cavallería Rusticana - Pietro Mascagni

Segunda Parte :

* Voces de Primavera - Johann Strauss
* Andante Festivo - Jean Sibelius
* Por una Cabeza - Carlos Gardel
* Libertango - Astor Piazzolla
* El Día que me Quieras - Carlos Gardel y Alfredo Le Pera
* La Muerte del Ángel - Astor Piazzolla

Fonte : Supremo Consejo Grado 33 para la República Argentina

Dolor,Dolor,Dolor



Ultima foto de Don HECTOR PACHECO MORALES, en el I Gran Congreso Mundial de la Masoneria Moderna y Liberal en la Ciudad del Cuzco en Donde fue Condecorado en el mes de Julio del 2010 por su gran trayectoria de Luchador Social y Heroe nacional Ex combatiente de 1941


Gran Logia Constitucional del Perú

B:.R:.L:.S:.FRANCISCO BOLOGNESI Nº48-15
TIENE EL PENOSO DEBER DE COMUNICAR A LOS RR:. y QQ:.HH:.
EL SENSIBLE FALLECIMIENTO DEL PADRE DE NUESTRO GRAN MAESTRO DE LA GRAN LOGIA CONSTITUCIONAL DEL PERU

HECTOR PACHECO MORALES,
COMBATIENTE Y HEROE NACIONAL DE LA GUERRA DE 1941
ACAECIDO EN LA CIUDAD DEL CUZCO.

LOS HH:. DE LA B:.R:.L:.S:. FRANCISCO BOLOGNESI Nº48-15,
LE EXPRESAN A NUESTRO GRAN MAESTRO
M:.R:.H:. JULIO CARLOS PACHECO GIRON
SU PESAME POR TAN SENTIDA PERDIDA Y RUEGAN AL G:.A:.D:.U:.
LO RECONFORTEN EN ESTE MOMENTO DE DOLOR

Fonte : Fenix

N.d.r. - Condolencias a GM JULIO CARLOS PACHECO GIRON por la pérdida de su padre, Editor de Notiziario Massonico Italiano.

sabato 28 agosto 2010

Maryland Schottish Rite News.






MD July-August 2010 Mag

Fonte : Maryland Schottish Rite of Freemasonry


venerdì 27 agosto 2010

Follonica 11 settembre 2010 - Massoneria: storia e attualità nella Maremma toscana. Convegno della Libera Muratoria della regione.



Nella Sala Consiliare del Comune di Follonica, il Collegio circoscrizionale della Toscana - in collaborazione con le logge di Follonica, Giuncarico, Grosseto e Massa Marittima - organizza il convegno "Massoneria: storia e attualità nella Maremma Toscana". L'appuntamento è alle ore 18.00.

Dopo i saluti del sindaco di Follonica Eleonora Baldi, intervengono Giampiero Caglianone su "Massoneria e massoni in Maremma" e Stefano Bisi su "Attualità della Massoneria in Toscana". Partecipano Ezio Gabrielli, già Assessore al Comune di Ancona, Alberto Monaci, Presidente del Consiglio Regionale della Toscana, e Massimo Bianchi, Gran Maestro Aggiunto del Grande Oriente d'Italia. Modera i lavori il vicepresidente circoscrizionale Moreno Milighetti.


11-09-10-FollonicaConvegno

Fonte : GOI

DISERTACIÓN Y DEBATE - DIPUTADA NAC. MARGARITA STOLBIZER -

Fonte : CLUB DEL MEDIODÍA EN PUNTO

USA:Eccesso di democrazia?

Italia : Il Taboo Massoneria.



Fonte : Michael Gillard

Chattanooga TN,Friday - September 3RD :Labor Day by Hyksos Temple N.123.


Fonte : Hyksos Tempio 123

Comunicado FMLS-041-2010 - CIMAS - Boletin 101 - CXL Sobre el Libre Pensamiento.

A L.'.G.'.D.'.G.'.A.'.D.'.U.'.
Federación Masónica de Logias Soberanas
(Antigua Gran Logia Soberana de Baja California)
Misión de San Diego No.5 -Zona del Río- Tijuana, Baja California, México 22205

Comunicado No. FMLS 041-2010

ASUNTO: Circular 101 de la Confederación Interamericana de la Masonería Simbólica (CIMAS)




A LAS GRANDES LOGIAS QUE INTEGRAN LA FRATERNIDAD MASÓNICA DE BAJA CALIFORNIA.

A LAS GRANDES LOGIAS Y GRANDES ORIENTES DE LA AMISTAD.
A LAS LOGIAS SOBERANAS FEDERADAS
VVEN.'. MMAEST.'. Y QQ.'. HH.'.
PRESENTES.

Salud - Fuerza - Unión


El día de hoy -25 de agosto del 2010 de la era vulgar- llegó a la Mesa de Trabajo del Gran Maestro de la Federación Masónica de Logias Soberanas la circular 101 de la Confederación Interamericana de la Masonería Simbólica (CIMAS) con un excelente trabajo de su Presidente, el Ilustre Hno.'. Elbio Laxalte Terra, de la República Oriental del Uruguay, con motivo del centésimo cuadragésimo aniversario del Movimiento conocido como la 'Brecha de la Porta Pía' -que dio inicio a la lucha por la libertad del pensamiento y desembocó en la unificación de Italia bajo las banderas de la francmasonería laica garibaldina. Por considerarlo un documento trascendental para la definición clara del laicismo que defendemos, os compartimos este valioso material.
Como podéis ver, la búsqueda de una ruta más amplia, incluyente, participativa, progresista, laica, no sectaria y no dogmática hacia una Masonería de avanzada en el siglo XXI se está dando en muchos frentes. La Organización llamada CIMAS es uno de ellos, muy decoroso por cierto. La antigua Gran Logia Soberana de Baja California, antecedente de nuestra actual Federación, participó en varias reuniones convocadas por ella, en calidad de observadora y, seguramente, nos preparamos para colaborar en todo aquello que contribuya al avance de la Orden hacia estadios de mayor Libertad, Igualdad y Fraternidad.
Leed con atención el documento que anexamos y lo encontraréis de provecho, estamos seguros.
Or.'. de Tijuana, Baja California, México a los 25 días del mes de agosto del 2010 era vulgar

Fraternalmente
"In foedere vis"
El Muy Respetable Gran Maestro:
ROGELIO AMARAL BARRAGÁN
(Rúbrica)



Fonte : Fr.'. Muratore

giovedì 26 agosto 2010

Napoleone Bonaparte : Gran Maestro della Massoneria Universale.


Napoleone Massone

Fonte : Fr.'. Amato Roberto

Greencastle, Indiana - New District Degree Day debuts in Greencastle.Saturday.September 18


An opportunity to become a 32nd. Degree member of the Indianapolis Valley of Scottish Rite Freemasonry and witness a unique NEW presentation of the 4th. Degree is coming up. The "District Degree Day" will be preceeded by The Grand Master's One Day Class, and will be presented at Temple Lodge No. 47, F.&A.M., Greencastle, Indiana.

Fonte : Michael Gillard

mercoledì 25 agosto 2010

Pompei - 11 Settembre 2010 : PRESENTAZIONE LIBRO DI POESIE .. "DIVA IL SOGNO CHE INCANTA" DI NINO AMATO


Fonte : Fr.'. Muratore

CIRCULAR CIMAS N° 101/10




CIRCULAR-CIMAS-N°-101-10

Invitación a la Toma de protesta: 28 de agosto 2010

Fonte : Sol y luna Huaxyacac

martedì 24 agosto 2010

R:.L:.S:. Francisco Bolognesi Nº18-15 Jurisdiccionada a la Gran Logia Constitucional del Peru.

La R:.L:.S:. Francisco Bolognesi Nº18-15 Jurisdiccionada a la Gran Logia Constitucional del Peru, el Sabado 21 de Agosto del 2010 e:.v:.celebro un Homenaje por sus 44 años en la Masoneria del R:.H:.Reynaldo Sanchez Corrochano, Hombre Libre y de Buenas Costumbres ejemplo de Fraternidad.



Fonte : Edmundo Alosilla

24.08.2010Comunicato Ufficiale del Gran Maestro della Gran Loggia Regolare d’Italia ,Fabio Venzi : "Fini non e' un Massone ".


Comunicato Ufficiale del Gran Maestro

"Si leggono negli ultimi giorni, su giornali e blog, illazioni riguardo la presunta appartenenza del Presidente della Camera Gianfranco Fini alla Massoneria inglese.
La notizia è priva di fondamento.
Infatti, affinché si possa essere iniziati o affiliati in una Loggia della Gran Loggia Unita d’Inghilterra bisogna essere cittadini inglesi residenti in Inghilterra, oppure essere membri di una Gran Loggia estera (in questo caso italiana) che abbia il ”Riconoscimento Ufficiale” della Gran Loggia Unita d’Inghilterra.
Da circa venti anni l’unica Gran Loggia riconosciuta ufficialmente sul territorio italiano dalla Gran Loggia Unita d’Inghilterra è la Gran Loggia Regolare d’Italia, che il sottoscritto rappresenta in qualità di Gran Maestro dal 2001.
Posso quindi dire, senza possibilità di essere smentito, che Gianfranco Fini non è membro della Gran Loggia Regolare d’Italia né, di conseguenza, può essere membro della Gran Loggia Unita d’Inghilterra.
Tra l’altro, frequentando da lungo tempo la Gran Loggia Unita d’Inghilterra ed in virtú dei rapporti di stima e amicizia che mi legano alle più alte cariche massoniche inglesi, non vi sarebbe stato alcun motivo di tenermi nascosta la presenza del Presidente della Camera in una Loggia inglese.
La notizia quindi, come direbbero gli inglesi, è nient’altro che ”rubbish”, spazzatura.
La superficialità ed ignoranza con cui da tempo sui giornali si scrive di Massoneria è divenuta oramai scandalosa."


Fabio Venzi
Gran Maestro della Gran Loggia Regolare d’Italia

Fonte : Gran Loggia Regolare d’Italia

lunedì 23 agosto 2010

Informe del 7º Encuentro del REAA de Montevideo-Uruguay

INFORME7°ENCUENTROREAA


Queridos Hermanos y Hermanas todos,

es con sumo agrado que les envío en archivo pdf adjunto, el Informe del 7º Encuentro Nacional del Rito Escocés Antiguo y Aceptado, que se realizó en Montevideo, uruguay el pasado sabado 14 de agosto de 2010.
Con 101 Hermanos y Hermanas inscriptos provenientes de todo nuestro país, lo han hecho elEncuentro más numeroso de los realizado hasta ahora. Esto se debe al entusiasmo, dedicación y colaboración de muchos Hermanos y Hermanas, que con el sólo espíritu de servicio, han participado en las más diversas tareas. Apesar de ser un día sábado; a pesar del frío polar que por esos días nos agobiaba.
Y al apoyo significativo del Consejo de la Orden del GOFMU, y de los Venerables Maestros de los Talleres, que han puesto su fraternal dedicación a apoyar esta iniciativa.
Deseo destacar a los QQ:. HH:. y Hnas:. Panelistas, que han puesto también lo mejor de si para que sus ponencias tuvieran la calidad requerida a los efectos de brindar el máximo de transmisión de conocimientos, reflexiones y opiniones a los asistentes al Encuentro, para estimular a que todos y cada uno, en goce de sus
libertades puedan continuar con sus propias reflexiones, en su búsqueda de la verdad. Que para esto sirven estos encuentros desde el enfoque del conocimiento.
Y también, nos permitió el reencuentro fraternal con muchos hermanos y hermanas con los cuales no nos vemos habitualmente.101 inscriptos, sin duda - en el contexto uruguayo - ha sido un éxito, y nos habla también de lo oportuno de estos Encuentros para la formación masónica.
La pedagogía masónica no es un fast food, que se compra y se consume rápidamente. Necesita del esfuerzo, del tiempo, dedicación y amor al estudio, y abrirnos a un nuevo paradigma desde un enfoque de la
complejidad. No es fácil, y lleva tiempo. Todo lo que se hace seriamente lleva tiempo. No es el "corte y pegue" a que nos acostumbran los espíritus y mentes perezosas.
Los organizadores del Encuentro, hemos recibido un excelente salario. Gracias a todos. Les entrego, mis Hermanos y Hermanas mis más fraternales abrazos.
Vuestro H:. Elbio Laxalte Terra
Fonte : H:. Elbio Laxalte Terra

La Massoneria dopo l’Unità d’Italia 2° parte

Nel marzo 1861 finalmente viene dichiarata l'Unità d'Italia. Il giorno 30 di maggio di quello stesso anno Cavour ha il ben noto scontro con Giuseppe Garibaldi, mi pare, in Parlamento. La sera, rientrando dalla visita quotidiana che faceva alla propria amante, rientra febbricitante, con 40° di febbre. Non estraneo a questo probabilmente proprio lo scontro con Garibaldi. Nei primi due giorni sembra che la cosa sia abbastanza superabile, poi la situazione precipita ed il 6 di giugno Cavour muore, e muore lasciando una robusta eredità, che adesso esaminiamo un momento. L'eredità è notevole perché, effettivamente, lascia un nuovo Stato, lascia il Regno d'Italia. Uno Stato però - che oggi possiamo vedere in un modo un po' distaccato ­ che forse è stato più una operazione di vertice che non una rivoluzione dal basso, come usano dire gli storiografi oggigiorno. Uno Stato in cui, per intendersi Vittorio Emanuele Il se ne sente un po' il padrone assoluto, tant'è che non cambia il numerario: lui era Vittorio Emanuele Il, re di Sardegna, e non diventa Vittorio Emanuele I, Re d'Italia, rimane Il. Quindi è uno Stato che è abbastanza delicato e che forse avrebbe bisogno di robuste ingessature per ricucire le proprie membra. In altre parole, per la prima volta dopo il 476, dopo la caduta di Roma, 22 milioni di abitanti della "Regione fisica Italia" si trovano a coabitare nell' "Italia Regno" e, quindi, a dover adottare e adattarsi alle stesse leggi. E' un paese arretrato, è un Paese che per il 70% vive ancora di agricoltura. L'agricoltura nell'Italia centrale è legata soprattutto alla mezzadria; l'Italia meridionale, dopo il periodo borbonico, soffre di terribili forme di arretratezza. E' un Paese di ignoranti, è un Paese dove - se non vado errato - il Duca di Modena pochi anni prima aveva detto: "Sarebbe opportuno mandare al patibolo tutti coloro che sanno leggere e scrivere".


Vediamo ora, in questa situazione, quindi, come si muove la Massoneria. E mi ripeto, " La Massoneria quasi non esiste tra il 1815 e il 1860". In realtà nel 1848, in concomitanza con l'arrivo dei piemontesi a Milano, si riforma a Torino un Supremo Consiglio sui resti di quello che era il Supremo Consiglio di Milano. Però, questo Supremo Consiglio praticamente non funziona, non funziona cioè regolarmente, e dobbiamo arrivare, appunto, dopo l'Unità d'Italia, precisamente al 16 dicembre del 1862. In questa data, il Supremo Consiglio di Torino si riunisce, si proclama, ovviamente, a questo punto Supremo Consiglio Italiano ed elegge un primo Sovrano Gran Commendatore, un certo De Croy Chanel; e qui subito possiamo dire, da questo nome, che si ripropone sempre il solito fatto, già capitato nel 1733, cioè: la Massoneria italiana a rimorchio delle Massonerie straniere. L'Oriente di Torino dormicchia abbastanza adesso vedremo come mai. De Croy Chanel non fa nulla di particolare; bisogna arrivare al 66. Nel "66" si elegge un nuovo Sovrano nella persona di un generale ex garibaldino, un conte, di nome Isensemid, vedi caso anche lui di origine polacca. Questo lsensemid lo troviamo per parecchi anni (morirà nell'83) e sarà parte negativa della Massoneria Italiana di quegli anni. Vediamo nelle altre parti d'Italia. Nel '61 si risveglia la Massoneria napoletana, per iniziativa di un Frate benedettino, un certo Domenico Angherà, il quale, insieme ad altri massoni, fonda una Loggia di nome Sebezia. Questa Loggia nel breve volgere di pochi mesi si fregia del titolo di Loggia Madre in quanto si richiama praticamente al periodo - che era stato un buon periodo per la Massoneria - di Gioacchino Murat, periodo in cui in Italia meridionale, soprattutto appunto nel napoletano, fiorirono ben 94 Logge. La Sicilia non è da meno. La Sicilia si risveglia bruscamente, anche lei nel '60/'61, e nascono due famiglie massoniche: una ad opera di un Principe di S.Elia - che però ha poca storia e poi si fonderà con quella piemontese - e un'altra, invece, ad opera di Giuseppe Tortorici, che era stato fatto massone negli Stati Uniti e in Luisiana era stato portato al 33° grado. Nel '62 fa una mossa, diciamo, praticamente può essere più che valida: cioè fare eleggere Sovrano Gran Commendatore Giuseppe Garibaldi.

1864 Gran Maestro
Giuseppe Garibaldi
Questa è quindi la situazione della Massoneria all'inizio dell'unità d'Italia. Gli inizi sono difficili, sono difficili soprattutto perché è morto Cavour, che era la persona che forse sarebbe stata veramente in grado di fare molte cose di più. A Cavour succede Bettino Ricasoli, nobile fiorentino, bravissima persona, però con pochissimo fiuto politico l'uomo che non capisce niente del brigantaggio, che sa dare al problema brigantaggio in Italia meridionale solamente la risposta di Cialdini del pugno di ferro, l'uomo che in fondo è il colpevole di Lissa nel 1866 e, che proprio per questo fatto, passa la mano, politicamente, ad altri,a Ricasoli succede Urbano Rattazzi e sono anni difficili; perché c'è tutta una parte di intelligentia italiana che preme ferocemente: Venezia e Roma e Venezia, subito. Per cui sono anni difficili. Garibaldi ci tenta subito. Dopo essere diventato Gran Maestro nel 1862, passa da Palermo in Calabria e viene poi fermato, subito dopo, nella famosa battaglia dell'Aspromonte, in cui è anche ferito. Un esempio per dare un flash di come fossero difficili le cose in quel tempo Urbano Rattazzi manda La Marmora per fermare Garibaldi. La Marmora, a Napoli, incontra un gruppo di parlamentari, i quali erano a Napoli per tentare una mediazione fra il Governo e Garibaldi. La Marmora li arresta e manda un telegramma a Urbano Rattazzi in questi termini precisi: "Ho arrestato i Deputati, devo fucilarli?". Urbano Rattazzi poi si scuserà. Questo per darvi un'idea. Quindi non era effettivamente facile per la Massoneria procedere alacremente in una situazione di questo tipo . Nel '64 viene spostata la capitale da Torino a Firenze. Noi come massoni diciamo: "Quello sciocco di Isensemid fa grandi storie per spostare il Supremo Consiglio dalla Valle del Po alla Valle del Tevere!". Non dobbiamo dimenticare che lo spostamento della capitale costa a Torino parecchie centinaia di morti; quindi la situazione culturale era quella. Subito dopo avviene quella modestissima terza guerra di indipendenza che produce, tutti lo sapete, Custoza, produce Lissa; è passata alla storia come la prima in cui "Uomini di ferro su navi di legno battono uomini di legno su navi di ferro". L'anno dopo, nuovamente Garibaldi ci tenta. Viene fermato a Mentana dai francesi nei '67; è il famoso momento degli chasepot, i fucili a retrocarica francesi, e il povero Garibaldi - che aveva riunito dei garibaldini che, tra l'altro erano di tempra evidentemente molto diversa dai mille del 1860. Hai voglia di mettere le baionette! Non c’è la fa contro gli chassepot . Comunque la Massoneria procede attentamente. Nel '69, a Firenze, si forma un il nuovo Supremo Consiglio - visto che Torino non si muove – che elegge Francesco De Luca come Sovrano Gran Commendatore. Tra l'altro parallelamente a questo discorso di crescita del Rito Scozzese, non dobbiamo dimenticare che, sempre nel '60, a Torino, su, spinta della Massoneria francese, si forma anche una Gran Loggia Simbolica, cioè Gran Loggia Simbolica che seguiva solamente e riconosceva i primi tre gradi. Di questa è Gran Maestro Costantino Nigra (successivamente saranno, Gran Maestri: Garibaldi e, finalmente, Lemmi il quale sarà l'uomo che riuscirà a mettere un po' a posto le cose). La politica e l'economia, che sono quelle che guidano un po' tutto, sono sempre difficili. Sono i ben noti anni della lesina, sono i ben noti anni della tassa sul macinato, che si concretizzava in una specie di contatore che veniva messo sulle macine e che era terribile per i contadini. Finalmente arriviamo però al 20 settembre, arriviamo a Porta Pia.

Presa di porta Pia
Quindi riassumendo, abbiamo:

-a Torino un rito scozzese - Sovrano Gran Commendatore Isensemid;

-a Firenze, Francesco De Luca;

-a Palermo sempre Giuseppe Tortorici;

-a Napoli un Grand'Oriente con un certo numero di Logge, con ordine e rito;

-a Torino un certo numero di Logge solamente Azzurre.

La situazione quindi è abbastanza difficile e questo, però, direi considerato dal punto di vista di oggi, ci deve rendere abbastanza ottimisti, cioè : le difficoltà, le divisioni c'erano allora e abbiamo visto storicamente come mai sono avvenute. Nel '72 a Roma diviene Sovrano Gran Commendatore Giorgio Tamayo e nell'83, a Torino, un medico, Timoteo Riboli. Finalmente si chiude il ciclo del Risorgimento. Abbiamo la morte di Mazzini nel '72; arriva Depetris. Abbiamo la morte nel'78 di Vittorio Emanuele II, nello stesso anno di Pio IX Nell'82 muore Garibaldi L'82 è anche l'anno della Triplice Alleanza, quindi l'alleanza con i vecchi nemici, quindi altre rotture che si ripercuotono, anche nelle famiglie Massoniche arriviamo finalmente - quindi in questi anni, dopo questa cessazione, dopo tutte queste cariatidi storiche - al personaggio più importante di questo periodo : Adriano Lemmi.

Adriano Lemmi
Nel'84 Adriano Lemmi , un banchiere di origine toscana, viene eletto Gran Maestro, appunto, della Gran Loggia Simbolica. Nell'8? riesce a mettere d'accordo Tamayo da un lato e Riboli dall'altro, e viene nominato, dapprima, rappresentante ufficiale, e subito dopo Sovrano Gran Commendatore del rito. E finalmente nell'87 quindi si arriva all'unificazione della Massoneria in Italia con Adriano Lemmi, che raduna in sé le cariche di Gran Maestro e di Gran Commendatore. Adriano Lemmi reggerà la Massoneria Italiana fino ai 1906 e qui diciamo che le scuole classiche si fermano a fare un quadro agiografico di Lemmi. Abbiamo già detto che noi siamo piuttosto per una quinta scuola: la scuola moderna. E quindi, invece di parlare di questo, vorrei soffermarmi un attimo, per questi anni, su alcune cose forse molto più importanti . Una figura importantissima è Francesco Crispi, Francesco Crispi massone e uomo politico. Ma Francesco Crispi è siciliano, è nato nel 1818 in provincia di Agrigento, si laurea in legge, presto abbraccia la causa del risorgimento, quindi viene anche cacciato e perseguitato dai Barboni, ed è praticamente l'uomo, e sono gli anni in cui appunto si accosta alla Massoneria e diviene Massone., che è l'artefice e l'ideologo della famosa Spedizione dei Mille. E' lui che spinge Cavour (poi Cavour invece, rimanda la palla a La Farina, che è un altro siciliano, e quindi li mette in contrasto) e comunque è lui che spinge e che, finalmente, riesce a far realizzare da Garibaldi la Spedizione dei Mille, alla quale parteciperà. Diviene poi parlamentare e combatte tutte le lotte nel Parlamento relative al fatto che abbiamo detto, fino a che nell'87 (cioè l'anno stesso in cui Lemmi diviene, fatto molto importante, Sovrano Gran Commendatore della Massoneria in Italia) Francesco Crispi diviene Presidente del Consiglio. Quindi un uomo, una figura a tutto sbalzo, un uomo di tutto rilievo. Se vogliamo dire però, per essere corretti storicamente non dobbiamo dimenticare che era piuttosto un uomo di carattere autoritario e, se sapeva rispettare la legge, soprattutto gli andava bene la legge rispettata dagli altri. Per questo fatto, direi che possiamo fare un accenno alla più grossa mina vagante di quel periodo, che scuoterà la Massoneria Italiana e che arriva molto vicino anche ad Adriano Lemmi: è il famoso, ben noto, scandalo della Banca Romana. Come probabilmente saprete, in quegli anni erano ben quattro gli Istituti di emissione in Italia e nessun Governo era stato capace di unificarli : c'era la Banca Nazionale, c'era appunto la Banca Romana, il Banco di Napoli e il Banco di Sicilia. Quindi il Governo era costretto a limitare la propria sfera di influenza, limitando il numero di biglietti di banca emessi. Con l'Unità d'Italia, nel 1870, a Roma, naturalmente, c'è la solita corsa alla costruzione edilizia. Chi finanzia tutto questo è la Banca Romana. Le cose vanno bene per un certo numero di anni. Nel'93 questo boom edilizio viene travolto da una valanga di cambiali, di proteste, e si parla addirittura di fallimento della Banca Romana. Il ministro dell'Industria è costretto a promuovere un'inchiesta e l'inchiesta chiarisce che la Banca Romana che avrebbe dovuto emettere non più di 45 milioni di lire di allora, ne aveva emessi 25 milioni in più, poi aveva stampato ancora 9 milioni, addirittura sottobanco, e praticamente i libri contabili erano falsificati per un ventennio. Chi è l'artefice di tutto questo? E' il Direttore Generale della Banca, un ceto Bernardo Tanlongo e purtroppo, non dobbiamo avere timore di dire queste cose in pubblico, Tanlongo è massone. E chi è che lo coprirà nel 1893 ? E' proprio Crispi, che insabbia l'inchiesta. Non lo coprirà a lungo, perché dopo c'è una lunga battaglia tra Crispi e Giolitti - ben noto palamidone di cui tutti i giornalisti dell'epoca parlavano. E alla lunga, appunto, Bernardo Tanlongo finisce in carcere. Mi piace però qui ricordare, tanto per vedere anche gli altri aspetti, invece un'altra branca e un altro aspetto della Massoneria, e cioè Turati. Turati è milanese, è un uomo di cultura, è un uomo di sinistra e milita per molti anni nella sinistra italiana, il partito operaio, insieme a quelli che, a quel tempo, erano gli anarchici. Turati, poi, si unisce alla Kulishoff, matura, e direi che forse il fatto più importante di quegli anni, è del '93, è la nascita della rivista critica sociale che è un organo del partito socialista fino ai nostri giorni. Turati era massone e quindi un po' il capostipite di tutta quella parte di Massoneria legata al socialismo, che avrà una importantissima funzione sulla fine del secolo all'inizio del nostro secolo : il '93 è appunto l'anno in cui Turati si separa da Labriola e fonda ufficialmente il Partito Socialista Italiano, separandolo dal movimento anarchico. Le conclusione, che cosa possiamo dire in questi anni della Massoneria ? Possiamo dire che la Massoneria, essendo un potere omologo al potere dello Stato, là dove uno stato nasce tra mille difficoltà, anche la Massoneria nasce e procede con modestia: è una Massoneria regionale, per non dire provinciale.

La storia continua prossimamente

Fonte : Mika-el

domenica 22 agosto 2010

venerdì 20 agosto 2010

Brazil : ANIVERSÁRIO DO GRANDE ORIENTE MAÇÔNICO PAN-AMERICANO - GOMP

IRM.'. SERGIO SARGO, 33º - GRÃO-MESTRE DO GOMP.





Fonte : Fr.'. Amato Roberto,33°

Gran Loggia Costituzionale del Peru' : ANIVERSARIO DE LA R:.L:.S:.UNION FRATERNAL Nº5 E INICIACIONES







Un fraterno saluto al Fratello Edmundo Alosilla, per l'amore e il grande impegno in sostegno della Massoneria Peruviana.

Gran Loggia D'Italia : Un Ultimo saluto al Presidente Emerito della Repubblica ,il Senatore Francesco Cossiga.






Fonte : Gran Loggia D'Italia

Gran Loggia Regolare D'Italia.



Sulla Rivista 'Harashim', organo del Masonic Research Council delle Gran Logge di Australia e Nuova Zelanda, e' stata pubblicata  l'ultima allocuzione del Gran Maestro Fabio Venzi.











Harashim

Fonte : Gran Loggia Regolare D'Italia

Cossiga: Massoneria, Raffi (GOI), "piangiamo un grande uomo e un eretico pensatore che guardava sempre lontano".

"Il Grande Oriente d'Italia rende onore all'umanità e alla forza di pensiero di Francesco Cossiga, maestro di vita di tutti gli italiani". Così Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d'Italia, esprime il cordoglio della Massoneria di Palazzo Giustiniani per la scomparsa del presidente emerito, Francesco Cossiga.

"I nostri labari sono listati a lutto –prosegue Raffi- perché è doveroso rendere omaggio a un politico vero e a una storia personale alta e profonda, che ha saputo tracciare strade di dialogo e di tolleranza in tutta la sua carriera come nella sua ricerca senza sosta. Piangiamo un esempio di morale e di etica laica, un riferimento sicuro delle istituzioni e uno straordinario uomo di cultura. Di lui resteranno gli esempi, le parole sempre vere e libere, la capacità di guardare oltre con arguzia, indicandoci con simpatia che un'altra verità è possibile".

"Cossiga –rimarca Raffi- è stato un 'eretico' perché ha vissuto al di là di ogni schema e gabbia, infinitamente libero perché aveva una percorrenza personale che ha saputo fondare ogni affermazione. Poteva permettersi tutto perché tutto conosceva e andando controcorrente aveva indagato percorsi e vicende con gli occhi di chi sa che la verità sta sempre in fondo alla strada".

"Da oggi –conclude l'avvocato ravennate alla guida del Goi- l'Italia ha un dovere in più: seguirne le indicazioni, lavorando a costruire speranza come la vita di questo grande uomo ci ha testimoniato. Addio, amato presidente. E grazie, amico caro, per tutto quello che ci hai insegnato: lo porteremo per sempre nel cuore".

Fonte : GOI

Liberi di Cambiare .

venerdì 20 agosto alle ore 09:30 apre i battenti LIBERI DI CAMBIARE: partiamo insieme per questa avventura della coscienza !


il menù del giorno:

ore 10:00 - Aldo Strisciullo, Nazzareno Venturi, Stefano D’Aloia, Rossano Vitali - Ricordando il Maestro Gabriele Mandel, con proiezione e letture scelte da "Mille aforismi per essere felici”.

ore 12:00 - Pausa Pranzo.

ore 15:00 - Lucio Molinari - 2012, previsioni di cambiamento.

ore 16:30 - Coffe break.

ore 17:00 - Interludio: arti varie per una nuova consapevolezza - Musiche della tradizione Sufi, eseguite da Fakhraddin Gafarov.

ore 17:30 - Giorgio Cerquetti -Il potere terapeutico dei Mantra.

ore 19:00 - Cena.

ore 20:30 - Nitamo Federico Montecucco - presidente Club di Budapest Italia - OLOS La nuova cultura planetaria emergente.

Fonte : liberidicambiare

giovedì 19 agosto 2010

Tapachula y Tuxtla Gutierrez : Supremo Consejo de Mexico Delegacion Chiapas:Conferencias Magistrales .


Fonte : AJEF

Tijuana, Baja California, Messico : Promulgación de la Constitución de la Federación Masónica de Logias Soberanas.

A L. '. G. '. D. '. G. '. A. '. D. '. U. '.

Federación Masónica de Logias Soberanas
(Antigua Gran Logia Soberana de Baja California)DECRETO FMLS 02-2010

Reconstituida a partir del 27 de junio del 2010 de la era vulgar - 15 de Tammuz del 5770 de la verdadera luz
Misión de San Diego No. 5 -Zona del Río- Tijuana, Baja California, México 22210
Tel. (00) (52) (664) 6 347303
federacionsoberana@gmail.com




ASUNTO: Promulgación de la Constitución de la Federación Masónica de Logias Soberanas.


A los Grandes Maestros de las Grandes Logias que integran

la Fraternidad Masónica de Baja California.
A los Grandes Maestros de las Grandes Logias del Orbe y de la Amistad.
A los Grandes Orientes.
A las Máximas Jerarquías de los Ritos Masónicos Antiguos y Modernos.
A los MMas.'. que la presente vieren.


SALUD - FUERZA - UNIÓN

SABED:


NOS, el Muy Respetable Gran Maestro, responsable del Poder Ejecutivo, de conformidad con el dictamen final de la Constituyente Permanente y en el cabal cumplimiento de los acuerdos de nuestra Gran Asamblea, eregida en Supremo Poder Legislativo, se promulga con toda formalidad y solemnidad la:



CONSTITUCIÓN

(Carta Magna)
de la Federación Masónica de Logias Soberanas, fruto de los acuciosos trabajos legislativos de las Logias Federadas, Constituyentes Fundadoras, iniciados el 27 de junio y concluidos el 1 de agosto del presente año, federandose bajo las premisas de la Libertad y el Respeto, en cohesión en torno del documento Constitucional que suscriben de forma libre, soberana, autónoma e independiente, erigiéndose ante sí y como legítimas sucesoras de la Gran Logia Soberana de Baja California de Antiguos, Libres y Aceptados Masones, en una Potencia Masónica Universalista, Amplia, Incluyente, Abierta, Participativa, Progresista, Liberal, Proactiva, No Sectaria y No Dogmática, ofreciendo amistad, apoyo y respeto mutuo a todas las Potencias Masónicas del Orbe sin distinción alguna por razón de Rito, Género, Vertiente o Forma de Organización.

Todo lo cual os lo informamos con la esperanza de estrechar con vosotros los lazos más fraternales y afectuosos.


Recibid las seguridades de nuestra más distinguida y fraternal consideración, así como los honores que justamente os corresponden por vuestras Investiduras.

Tijuana, Baja California, México, a 17 de agosto del 2010 Era Vulgar - 7 del mes masónico de Elul del 5770 año de la verdadera luz.


"IN FOEDERE VIS"

Fraternalmente.

(Rúbrica)


ROGELIO AMARAL BARRAGÁN
Muy Respetable Gran Maestro

Damos fe:



Cipriano Alatorre Coll                                Gerardo Balcázar Enríquez

P.'.G.'.M.'. y Gran Orador                                     Gran Secretario




"2010 - AÑO DE ARQUITECTURA MORAL 7 No. 1"


Fonte : Fr.'. Muratore

Cossiga, l'ultimo abbraccio della sua Sardegna

Il feretro del presidente emerito della Repubblica Francesco Cossiga, coperto dal tricolore e dalla bandiera sarda dei quattro Mori, e' diretto all'aeroporto di Ciampino, per il volo verso la sua Sardegna, dove sara' tumulato. Le esequie nella chiesa romana di San Carlo al Corso sono durate 45 minuti. Una messa molto intima, alla quale erano presenti parenti, collaboratori di una vita e alcuni cari amici.


ADDIO SOBRIO - Sarà un addio sobrio, come era nella volontà del presidente, ma pieno di affetto vero anche se un po' ruvido, quello che Sassari e la Sardegna daranno a Francesco Cossiga nella parrocchia di San Giuseppe, la chiesa che fu del suo padre spirituale mons. Masia e dove seguiva sempre la messa quando era nella sua città.
Il feretro del presidente, avvolto nel tricolore e nella bandiera dei Quattro Mori, arriverà a Sassari alle 10:30, direttamente dall'aeroporto militare di Alghero-Fertilia.
Ad accoglierlo sul sagrato un picchetto d'onore formato da soldati della Brigata Sassari, dei Granatieri di Sardegna e di altri reparti militari ai quali il presidente emerito era legato da particolare affetto. Dopo la cerimonia il feretro sarà portato nel cimitero monumentale per essere inumato nella tomba di famiglia, dove riposano i genitori e la sorella. A una decina di metri di distanza la tomba di Antonio Segni, l'altro sassarese che occupò la più alta carica dello Stato. In piena osservanza delle ultime volontà del presidente emerito, la cerimonia sarà in forma strettamente privata senza la presenza di autorità dello Stato. Il presidente della Regione Autonoma della Sardegna, Ugo Cappellacci, sarà presente come amico, assieme con la sua famiglia, e così anche molti altri personaggi politici e militari, che si onoravano dell'amicizia di Cossiga, hanno manifestato la volontà di rendergli omaggio come privati cittadini. E amici del presidente si considerano il sindaco di Sassari, Gianfranco Ganau, e i tanti primi cittadini sardi che hanno voluto ricordare come Cossiga seguisse con attenzione le vicende dei loro centri. Nonostante il carattere privato della cerimonia, la prefettura di Sassari, al termine di una riunione del comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica, ha predisposto un servizio di ordine pubblico pronto a fronteggiare ogni eventualità. La circolazione intorno alla chiesa di San Giuseppe è stata modificata, con divieti di sosta e transito che sono stati istituiti anche lungo il percorso tra la chiesa e il cimitero.

Fonte : ANSA