mercoledì 27 ottobre 2010

Tirana 6-7 novembre 2010 - Tornata rituale in Albania.


Nuovo incontro a Tirana il 6 e il 7 novembre per i fratelli della loggia "Arberia" (1333) della capitale albanese. L'officina, nata nel luglio 2008, appartiene al Grande Oriente d'Italia ed è una 'cellula' costitutiva di quella che si auspica sarà la Gran Loggia di Albania, Comunione massonica indipendente in uno Stato reduce dal regime comunista che bandì la Libera Muratoria. In Albania si segue l'iter dei Paesi dell'Est che hanno rivisto la luce massonica con l'avvento della democrazia.

Costituita da fratelli provenienti dall'Italia, la "Arberia" registra, dal 6 dicembre 2009, una crescita costante con continue 'iniziazioni' di cittadini albanesi (e conseguenti 'aumenti di grado') radicando la Massoneria nel territorio.
La prossima tornata rituale si svolgerà all'Hotel Livia di Tirana con inizio alle ore 20 di sabato 6 novembre e prosecuzione la mattina successiva dalle ore 10.
Partecipano il Gran Maestro Aggiunto Massimo Bianchi, il Gran Maestro Onorario Mauro Lastraioli, il presidente circoscrizionale della Puglia, Mauro Leone, maestro venerabile della loggia "Arberia".

Fonte : G.O.I.

Roma 8 novembre 2010 - Il Servizio Biblioteca del Grande Oriente d'Italia presenta al Teatro Vascello il volume Pannunzio.



Dal "Mondo" al Partito radicale: vita di un intellettuale del Novecento di Massimo Teodori (Mondadori), una ricostruzione delle tappe essenziali dell'esperienza umana e professionale di Pannunzio che ha svolto nel secolo scorso una brillante e coraggiosa azione di svecchiamento ideologico e apertura culturale alle correnti del pensiero laico e riformatore.

Alla presentazione lunedì 8 novembre 2010 alle ore 18:30 presso il Teatro Vascello (Via Giacinto Carini, 78) interverranno l'autore, Adolfo Battaglia, Massimo Bordin, Stefano Folli. Conclusioni del Gran Maestro Gustavo Raffi.
Lunedì 8 novembre 2010 ore 18:30 Teatro Vascello (Via Giacinto Carini, 78).

08-11-10-invito

Fonte : G.O.I.

Udine 6 novembre 2010 - Diritti civili e laicità dello Stato. Seminario di studi della Massoneria udinese con il patrocino del Collegio della regione e del Grande Oriente nazionale.


Anche quest'anno le logge di Udine hanno scelto un tema di grande attualità per il loro tradizionale seminario di studi massonici che ha raggiunto la quinta edizione. Affronterà il tema "La laicità dello Stato, quale garanzia dei diritti civili: noi e gli altri, il dialogo come reciproco progresso, un avanzare insieme" e si svolgerà come sempre a Palazzo Kechler (Piazza XX Settembre 1870, 4). L'appuntamento è alle ore 16.

All'incontro, patrocinato dal Collegio circoscrizionale del Friuli Venezia Giulia e dal Grande Oriente d'Italia, intervengono l'avvocato Giovanni Maria Cecconi, il giurista Enzio Volli, lo storico Fulvio Salimbeni, il filosofo Gian Mario Cazzaniga. Chiude i lavori il Gran Maestro Gustavo Raffi.
Presenta l'iniziativa il presidente del Consiglio dei Maestri Venerabili di Udine, Sergio Parmegiani.
Prima del convegno il Gran Maestro consegnerà le due borse di studio bandite con il "Premio Antonio Celotti", dedicato al decano della Massoneria della regione, scomparso nel giugno del 2009 all'età di 103 anni, e al cui ricordo è rivolto anche il seminario. Pneumologo, Celotti dedicò la sua vita alla cura e alla ricerca medica, conciliando le sue numerose attività con gli impegni nel Grande Oriente d'Italia dove entrò diciannovenne. Fu presidente del Collegio circoscrizionale del Friuli Venezia Giulia e nel 1973 diventò Sovrano Gran Commendatore del Rito Scozzese Antico e Accettato. Fu anche un attento studioso di fatti massonici come lo dimostra il suo libro "La Massoneria in Friuli. Prime ricerche sulla sua esistenza ed influenza" pubblicato nel 1982 e aggiornato per il suo 100esimo compleanno.
Il "Premio Antonio Celotti", istituito nell'aprile 2010, è rivolto a giovani laureati dell'ateneo di Udine che siano mossi dallo stesso spirito di conoscenza. A cadenza biennale, premierà due tesi di laurea o di dottorato in campo scientifico e umanistico con borse di studio di 1000 euro ciascuna.
La presenza del Gran Maestro Raffi nell'Udinese permetterà inoltre di 'consacrare' – domenica 7 novembre - il nuovo tempio della loggia "11 Settembre" (1191) di Campoformido, la cui sede è stata finita di ristrutturare questa primavera.

06-11-10-locandina

06-11-10-depliant

Fonte : G.O.I.

martedì 19 ottobre 2010

Convegno "Da Bergamo a Marsala con Garibaldi" 6 novembre 2010 Bergamo.






 Fonte : GOI-Collegio Maestri Venerabili della Lombardia

Diagramma 2010

Diagramma 2010

lunedì 18 ottobre 2010

Bergamo 6 novembre 2010 Da Bergamo a Marsala con Garibaldi: il compimento dell'Unità d'Italia.

Le iniziative per celebrare l'imminente anniversario dei 150 anni dell'Unità d'Italia si moltiplicano nel nostro Paese. Il Grande Oriente d'Italia è l'Istituzione che, forse, sta dedicando maggiore attenzione all'avvenimento prima di dare il via al suo ricco programma per il 2011.




Il Collegio circoscrizionale della Lombardia ha indetto per il 6 novembre un convegno dal titolo Da Bergamo a Marsala con Garibaldi: il compimento dell'Unità d'Italia che ha ricevuto il patrocino della Regione lombarda, della Provincia, del Comune e l'Associazione amici del Museo di Bergamo. Si svolgerà all'Hotel Excelsior San Marco (Piazzale della Repubblica 6) con inizio alle ore 16.
Intervengono: la costituzionalista Anita Garibaldi (Università di Siena) con Il mito di Garibaldi, lo storico delle dottrine politiche Paolo Gastaldi (Università di Pavia) che affronterà il tema Il Risorgimento, un problema storiografico irrisolto, il filosofo di scienze sociali Claudio Bonvecchio (Università Insubria di Varese) con Il senso della commemorazione, lo storico Antonio Maria Orecchia (Università Insubria di Varese) con Garibaldi e la stampa italiana, l'ex vicesindaco della città Carlo Salvioni, presidente dell'Associazione Amici Museo Storico di Bergamo, che parlerà di Bergamo per l'Unità d'Italia. Conclude il Gran Maestro Gustavo Raffi. All'ex senatore Valerio Zanone, presidente del Comitato celebrazioni del Grande Oriente d'Italia, è stato affidato l'incarico di introdurre e moderare il convegno.

Fonte : GOI

Bruxelles 15 ottobre 2010 : Ue: Raffi (G.O.I.), creare un Forum permanente delle associazioni umanistiche contro povertà ed esclusione sociale.



Il Gran Maestro al Meeting di Bruxelles con i vertici dell'Unione, lavoriamo per restituire dignità alle persone.


"Un forum permanente delle associazioni umanistiche sulla povertà e l'esclusione sociale, che si riunisca con cadenza annuale e a turno, nei diversi paesi membri dell'Unione Europea. Un osservatorio che si affianchi agli altri organismi già pensati dall'Unione per le politiche attive di contrasto a questi fenomeni diffusi e abbia come compito quello di contribuire, con idee e proposte concrete di gruppi umanistici e laici, ad indicare soluzioni possibili". E' la proposta avanzata oggi dal Gran Maestro del Grande Oriente d'Italia, Gustavo Raffi, nel suo intervento al Meeting con i rappresentanti delle associazioni umanistiche non confessionali sul tema 'Combattere la povertà e l'esclusione sociale. Un imperativo per la governance europea', che si è tenuto al Parlamento europeo alla presenza del presidente della Commissione europea, José Manuel Barroso, del presidente del Parlamento Ue, Jezry Buzek e dal presidente del Consiglio europeo, Herman von Rompuy.

Per la Libera Muratoria di Palazzo Giustiniani "l'Europa dell'euro viene dopo l'Europa dell'anima. Lotta alla povertà - ha rimarcato Raffi - deve significare restituire dignità alle persone, nei diversi ambiti del loro vissuto. L'apporto della libero-muratoria alla storia europea non si declina tanto in soluzioni pratiche ai problemi contingenti quanto nella sua capacità, consolidata nei secoli, di mettere gli uomini che avvicinano l'Istituzione nelle condizioni di camminare sul sentiero della conoscenza e di lavorare la propria pietra grezza per divenire parte dell'unico tempio dell'umanità. La Massoneria – ha aggiunto l'avvocato ravennate alla guida della più antica Obbedienza massonica italiana - si candida ad essere un'agenzia per il risveglio della responsabilità e della consapevolezza di ciascuno. La consapevolezza di essere uomini e fratelli, accomunati da un unico destino".

"Non dobbiamo dimenticare - ha quindi messo in guardia il Gran Maestro del G.O.I. - che oltre a quella materiale esiste un'altra povertà, non meno pericolosa e insidiosa: è quella culturale e spirituale, che affligge tutto il mondo e troppo spesso dimentichiamo. Il disagio spesso assume i connotati della crisi di identità che, insieme al bisogno materiale, può essere causa di scontri fratricidi, di totali incomprensioni e insensata violenza. A questa 'nuova povertà' bisogna porre rimedio prima che diventi un laboratorio permanente di odio Ed esclusione sociale. Perché – ha concluso Raffi - come la storia ci ha insegnato, dall'ignoranza e dalla superstizione si sviluppa il peggio dell'umanità".

Fonte : GOI

sabato 9 ottobre 2010

Montenegro - 8/10 Ottobre 2010 : La Gran Loggia Regolare del Montenegro festeggia i suoi 10 anni di Fondazione.


Sono in corso in Montenegro i festeggiamenti per i 10 anni di fondazione della Gran Loggia Regolare del Montenegro.Diverse delegazioni estere sono presenti tra le quali la Francia,L'Italia,la Romania ,la Libia .L'Italia e' rappresentata  dalla Gran Loggia D'Italia Palazzo Vitelleschi rappresentata dal Sovrano Gran Commendatore e Gran Maestro Fr.'. Luigi Pruneti 33°.

Fonte : NMI

Napoli - 30 ottobre 2010 - Convegno su una delle figure più misteriose ed emblematiche del XVIII secolo : Raimondo de Sangro, il principe alchimista, scienziato, massone


Il 30 gennaio del 1710 nasceva a Torremaggiore, dal duca Antonio e da donna Cecilia Gaetani dell'Aquila d'Aragona, una delle personalità più complesse ed affascinanti del XVIII secolo: Raimondo de Sangro, settimo Principe di San Severo.

Dotato di una cultura sconfinata che gli consentiva di spaziare dalla logica all'astronomia, dalla fisica alla retorica, dalla chimica alla letteratura e di conoscere perfettamente latino, greco, ebraico, tedesco e francese, il Principe fu membro del!'Accademia dei "Rinnovati" e, col nome di "Esercitato", di quella della "Crusca".
Fu inoltre abile militare, scienziato, alchimista, scrittore, editore e soprattutto massone. Infatti, nell'anno in cui dette inizio alla ricostruzione della Cappella gentilizia di famiglia, capolavoro del tardo barocco napoletano, fu crismato Libero Muratore. Di lì a poco ascese nei Gradi fino a diventare Gran Maestro delle logge partenopee. Nel 1751, a seguito della scomunica di Benedetto XIV e dei conseguenti provvedimenti restrittivi imposti da Carlo III di Borbone, fu costretto all'abiura per impedire che i confratelli ne subissero conseguenze. La sua opera di ricercatore e di studioso però non si fermò e fino alla morte continuò a dedicarsi alle discipline che gli erano più care. Emblema dei suoi interessi di iniziato è la "Pietatella", la cappella di famiglia, vero e proprio monumento allegorico e splendido libro sapienziale, in marmi e in pietra, i cui criptici messaggi sono rivolti a coloro che varcarono la soglia del Tempio e il linguaggio del Tempio sanno intendere.
A trecento anni dalla nascita del Principe alchimista e massone, la Delegazione Magistrale della Campania ha voluto organizzare un Convegno per ricordarne la figura e l'opera, dato che Raimondo di Sangro, nonostante gli infiniti libri ed articoli scritti su di lui, rimane, per molti versi, ancora oggi un mistero.
L'evento sarà di estremo interesse per i temi trattati e la qualità dei relatori che si succederanno, i quali inquadreranno la figura di Raimondo nell'epoca in cui visse e cercheranno di delinearne i caratteri, dipanando quell'aura di mistero che ancora lo circonda.
Al convegno seguiranno un concerto presso la prestigiosa Basilica di Pietrasanta, ed una visita guidata alla "Pietatella", l'affascinante Cappella dei Sansevero.
Al termine della giornata i convegnisti si ritroveranno presso l'Hotel Oriente di Napoli per una piacevole cena di gala (su prenotazione).

894
Fonte : Gran Loggia D'Italia

(Il Venerdì di Repubblica) Annale della Storia d'Italia dedicato all'esoterismo. Esoterismo... quelle radici massoniche che hanno fatto l'Italia.


Il filosofo Gian Mario Cazzaniga e il suo 'Annale' sull'Esoterismo di Einaudi sono oggi sul Venerdì di Repubblica.

Venerdi-Repubblica08-10-10

Fonte : Grande Oriente d'Italia

martedì 5 ottobre 2010

lunedì 4 ottobre 2010

Parma 9 ottobre 2010 : Il Risorgimento in Emilia Romagna .


Risorgimento in Emilia Romagna

Fonte : Grande Oriente d'Italia

venerdì 1 ottobre 2010

Roma 16 ottobre 2010 : Seminario "La Società Teosofica in Italia".

Il Servizio Biblioteca del Grande Oriente d'Italia organizza il seminario "La Società Teosofica in Italia" con una comunicazione introduttiva del Prof. Marco Pasi (Università di Amsterdam) autore del saggio "Teosofia e antroposofia nell'Italia del primo Novecento" contenuto nell'Annale 25 della Storia d'Italia Einaudi sull'esoterismo; la relazione documenta il ruolo della società teosofica nella vita culturale e nella ricerca esoterica in Italia e le concordanze tra società teosofica e massoneria.

Sarà presente il Dott. Antonio Girardi, Segretario Generale della sezione italiana della Società Teosofica.
Sabato 16 ottobre ore 16:00 Biblioteca di Villa Il Vascello (Via di San Pancrazio, 8 - Roma).



Fonte : Grande Oriente d'Italia

La Biblioteca della Gran Loggia Regolare d’Italia sarà aperta, a Roma in Piazza Mancini,4, dal 1 ottobre


La Biblioteca della Gran Loggia Regolare d’Italia sarà aperta, a Roma in Piazza Mancini,4, dal 1 ottobre prossimo, ai Fratelli ed al pubblico, dal lunedì al venerdì, dalle 9.00 alle 13.30 e dalle 15.30 alle 19.30.
Si potranno consultare rari testi sulla Liberomuratoria e le ultime novità editoriali.


Fonte : Gran Loggia Regolare d’Italia

Brescia 9 ottobre 2010 - Secondo convegno celebrativo dell'Unità d'Italia : Il contributo dei Lombardi all'Unità d'Italia


Dopo il successo ottenuto a Cosenza il 22 Maggio con il convegno “Squadra, Compasso e Tricolore: i Massoni per fare l’Italia”, la Gran Loggia d'Italia propone un secondo evento per celebrare il 150° anniversario della formazione dello Stato Unitario.

Si svolgerà infatti a Brescia il 9 ottobre prossimo il convegno pubblico dal titolo “Contributo dei Lombardi all’Unità d’Italia”.
La scelta del luogo non è casuale, giacché l’apporto della “Leonessa d’Italia” e dell’intera Lombardia furono fondamentali per il processo di redenzione nazionale che vide, nel volgere di un brevissimo lasso di tempo, un sogno mutarsi in realtà. Furono molti infatti i circoli lombardi dove pensatori e patrioti svilupparono e promossero gli ideali di libertà e unità della nazione.
Il convegno di Brescia presenta un programma estremamente interessante: illustri studiosi e cultori della materia affronteranno tematiche di vasto respiro, esaminando anche aspetti poco conosciuti di quel periodo così straordinario.
Il contributo dei Lombardi all'Unità d'Italia
Convegno aperto al pubblico
Sabato 9 ottobre ore 9:30
Park Hotel Ca' Noa
Via Triumplina 66 - Brescia

Brescia 9 ottobre 2010 - Secondo convegno celebrativo dell'Unità d'Italia

Fonte : Gran Loggia D'Italia