mercoledì 30 novembre 2011

Roma Venerdì 2 dicembre 2011 - Conferenza: "Gran Maestri, a voi la parola…"


Fonte: Segreteria “Le Droit Humain”

martedì 29 novembre 2011

MASSONERIA DA SFOGLIARE - MODI E MODE Parte I°: i “MODI”


Sono rigorosamente Vietati la Riproduzione, la Traduzione, l'Adattamento, anche parziale e/o per estratti, per qualsiasi uso e con qualsiasi mezzo effettuati, senza la preventiva Autorizzazione scritta dell' Editor del " Notiziario Massonico Italiano" e comunque sempre con l'Obbligo di citare l' Autore e la Fonte.
_________________________________________________________
“MASSONERIA DA SFOGLIARE ” 
MODI E MODE 
Parte I°: i “MODI”

Benjamin Long
Da più parti, ed in particolar modo attraverso i visitatori ed i blogger del “Notiziario Massonico Italiano”, mi è pervenuta tra le altre la richiesta di esprimere una nota di approfondimento su una questione molto trattata – direi che rappresenta uno dei primi gradini dell'ABC del Massone - e quindi scontata nei contenuti, tanto che in un certo senso trovo una qualche remora a trattarne pur se a beneficio di chi possa aver palesato una certa qual confusione al riguardo. 
In ogni atto che compiamo c'è un “modo”, e questo riguarda il “come” si debba operare, seguendo quelle che amiamo definire essere le “regole”, le “norme” ma anche solo le “corrette consuetudini”. C'è poi un altro aspetto che riguarda le “mode”, ossia quel particolare modo di fare che – talvolta a livello inconscio – decidiamo di adottare seguendo non la cosa “giusta, corretta e opportuna” da fare, bensì quelle che sono delle “tendenze” dettate da condotte che in molti hanno già praticato: degli atteggiamenti e delle procedure già da altri adottati, che ci appaiono interessanti e/o appaganti e che adottiamo senza interrogarci a fondo sull'utilità reale di quanto andremo a fare; una sorta di “effetto traino” che porta solo ad “imitare” ciò che altri hanno già fatto. Si segue una “moda”, appunto, che per lo più è limitata nel tempo ed alla quale spesso ne subentrano altre accantonando quelle precedenti, specie qualora quanto intrapreso sia stato frutto di condotte superficiali carenti di un radicamento profondo e – sopratutto – di convincimenti originati da idee, progetti, programmi e programmi attuativi definiti per raggiungere obiettivi definiti, enunciati, trasparenti e condivisi. [Leggi...]

Sezione: Crestomazia - Mondo Iniziatico/Massoneria

Fonte : G.M.E. Fr.·. Giuseppe Bellantonio

Roma 29 novembre 2011 Il Gran Maestro Raffi a Bruxelles con i vertici dell'Unione europea.

Meeting con i rappresentanti delle associazioni umanistiche non confessionali

"Un partenariato per la democrazia e una prosperità condivise: una volontà comune di promuovere i diritti e le libertà democratiche". Questo il tema dell'incontro che si terrà mercoledì il 30 novembre presso la Commissione europea a Bruxelles, dalle 11.30 alle 14.30. L'evento riunirà alti dignitari non confessionali europei, il Gran Maestro del Grande Oriente d'Italia, Gustavo Raffi, e rappresentanti dell'Unione europea del più alto livello: Jerzy Buzek, presidente del Parlamento europeo, e Herman Van Rompuy, presidente del Consiglio europeo, che presiederanno la riunione insieme al presidente della Commisione Europea, José Manuel Barroso. 
Obiettivo dell'assise, spiega Barroso in una lettera, è "unire le nostre forze a quelle di tutti i partner che condividono la stessa volontà di difendere e promuovere gli stessi valori universali dell'uomo. Sono convinto che queste sfide non possano essere affrontate senza il contributo attivo delle organizzazioni filosofiche e non-confessionali. Questa è infatti l'essenza stessa del dialogo tra l'Unione europea e queste comunità, come è previsto dal Trattato di Lisbona. L'Unione e le organizzazioni non-confessionali condividono la stessa preoccupazione fondamentale: la determinazione a proteggere e promuovere "i valori universali che costituiscono i diritti inviolabili e inalienabili della persona umana, come la libertà, la democrazia, l'uguaglianza e lo Stato di diritto", com'è scritto nel preambolo di quel Trattato"
Il primo incontro con le Istituzioni non confessionali si è tenuto il 15 ottobre 2010 a Bruxelles. In quell'occasione, il Gran Maestro Raffi lanciò la proposta di creare un Osservatorio permanente contro povertà ed esclusione sociale.

Roma, Villa il Vascello, 29 novembre 2011

Fonte: GOI

Conférence : Laïcité: l’avenir de l’humanité


La Fédération Française du Droit Humain organise une conférence publique le samedi 10 décembre 2011 à 14 heures au siège de l’obédience à Paris sur le thème  « Laïcité: l’avenir de l’humanité« 
Avec la participation de : Doumia Bouzar (anthropologue), Martine Cerf (codirectrice du dictionnaire de la Laïcité), Charles Coutel (universitaire professeur en philosophie du droit), Antoine Steir (journaliste, enseignant, directeur des cahiers de l’orient), Alain Vivien (ancien secrétaire d’Etat aux affaires Etrangères)

Fonte: gadlu

Les Francs-Maçons voyageurs du Père-Lachaise

Le samedi 3 décembre 2011 à 9h33 et le dimanche 4 décembre 2011 de 13h30 à 16h 00 Olivier Estiez vous propose une promenade de deux heures environ sur le thème des « Francs-maçons voyageurs» au Cimetière du Père-Lachaise Présentation: L’air, l’eau, la terre, le feu… les Francs-maçons voyagent beaucoup dans le monde initiatique. Mais certains parcourent également dans le monde profane toute la surface du globe. Dans quelles circonstances (suspectes) est mort l’explorateur Savorgnan de Brazza, qui a donné son nom à Brazzaville, la capitale de la République du Congo ? Ferdinand de Lesseps, le promoteur des canaux de Suez et de Panama, était-il Maçon ou louveteau ? Quel Frère plus connu pour ses photographies a défendu l’aérostat et le principe du « plus lourd que l’air » ? Quels Maçons à la richesse proverbiale ont été des pionniers des chemins de fer ? Quel astronome passionné par les espaces sidéraux a été surnommé le « furet des comètes » ?Le rendez-vous est fixé à l’entrée du cimetière du Père-Lachaise la plus proche de la place Gambetta (métro Gambetta). Participation : 10 euros. Gratuit pour les mineurs.

Fonte: gadlu

Immigration professionnelle : le GODF reagit sur la circulaire Guéant du 31 mai 2011

Dans un communiqué, le Grand Orient de France a dénoncé  lundi 28 novembre 2011 les propos du ministre de l’Intérieur Claude Guéant pour justifier sa circulaire controversée du 31 mai dernier sur les étudiants étrangers non européens.
Communiqué : Le 31 Mai 2011, le ministre de l’intérieur et le ministre du travail signaient une circulaire rappelant les objectifs fixés par le gouvernement pour maîtriser l’immigration professionnelle et précisant que la procédure de changement de statut, pour les étudiants demandant un titre de séjour, doit faire l’objet d’un contrôle approfondi. Pourtant, la loi du 24 juillet 2006 relative à l’immigration et à l’intégration, confère aux étudiants étrangers, une situation particulière, afin de faciliter l’exercice d’une activité professionnelle soit pendant la durée de leurs études, soit au terme de leur formation.
Le Grand Orient de France rappelle son attachement à une coopération internationale forte, pour la création d’un espace d’enseignement ouvert sur le monde et porteur des valeurs humanistes. Cet espace d’enseignement international implique que les étudiants étrangers puissent exercer une activité professionnelle à l’issue de leur formation, notamment dans le cadre de formations postdoctorales. 
Les propos récents du ministre de l’intérieur justifiant la circulaire du 31 mai 2011 par le nombre des demandeurs d’emploi approchant les 2,8 millions en France et sa volonté de privilégier « la demande d’emploi qui se manifeste en notre pays », créent un amalgame entre le travail lié au devenir des étudiants étrangers, la montée du chômage et l’immigration.
Le Grand Orient de France dénonce ces propos très graves de conséquences et s’associe à la démarche initiée par la conférence des présidents d’université de septembre 2011, de porter l’autorisation provisoire de séjour des étudiants étrangers à un an.
Paris, le 25 novembre 2011
Lire à cet effet :
 
Fonte: gadlu

GLNF : Communiqué du Comité de pilotage de l’opposition.

Voici un communiqué du Comité de Pilotage de l’Opposition, rédigé par 19 signataires (Grands Maître provinciaux, représentants de l ‘opposition FMR/MYOSOTIS)  s’adressant aux Grands Maîtres des Grandes Loges Régulières.
Ce n’est pas moins de 172 Grandes Loges qui ont été « invités » à ne pas se rendre à la Tenue Annuelle Solennelle de la Grande Loge Nationale Française doit avoir lieu le 3 décembre 2011 à Levallois-Perret.
LETTRE AUX GRANDS MAÎTRES DES GRANDES LOGES RÉGULIÈRES
Très Respectable Grand Maître,
Votre Grande Loge a été invitée à participer à la Tenue solennelle de la Grande Loge Nationale Française (GLNF) le 3 décembre prochain à Paris.
Comme vous le savez, la GLNF traverse une crise sans précédent au point d’avoir été placée sous administration judiciaire profane, ce qui n’est sans doute jamais arrivé à aucune Obédience dans le monde ! C’est pourquoi cette assemblée, déjà reportée au mépris de nos Constitutions, ne pourra se tenir dans la sérénité et ne sera qu’un triste simulacre des tenues annuelles de Grande Loge auxquelles vous avez participé dans le passé.
Cette crise tient essentiellement à la personnalité de François Stifani, installé Grand Maître le 1° décembre 2007. La démesure de son ego, ses comportements despotiques, son ambition de vouloir jouer un rôle dans la vie politique française, en essayant d’entrainer la GLNF dans son engagement auprès de l’actuel Président de la République en violation de nos Landmarks, en sont les causes directes. En faisant entrer la politique et les médias dans nos Temples, en trahissant l‘essence et l’esprit de cette haute fonction, François Stifani a perdu sa légitimité de Grand Maître. 
Alors que le TRF Claude Charbonniaud, Grand Maître de la GLNF de 1993 à 2001,  lui a demandé, publiquement, le 12 août dernier de se retirer. Alors que de nombreux dignitaires l’ont supplié de retrouver le chemin la raison,  Alors que la dignité, le sens de l’honneur … ou la simple lucidité  lui commanderaient de remettre son mandat sans tarder il se maintient depuis deux ans envers et contre tous faisant ainsi obstacle au rassemblement et à l’harmonie des Frères dans la GLNF.
Par sa seule faute, la GLNF est  au ban de la Franc-maçonnerie régulière dans le monde. Déjà, plus de 30 Grandes Loges, principalement en Europe, ont suspendu leur reconnaissance ; la Grande Loge Unie d’Angleterre dans un ultime avertissement a demandé le 21 juillet d’organiser au plus vite un retour aux valeurs et à une organisation respectueuse des usages et de la tradition maçonnique.….
Aujourd’hui tous les leaders de cette opposition et leurs associations représentatives qui regroupent les Frères de bonne volonté, comme L’union des Loges Régulières Françaises, se battent pour restaurer les fondations de la GLNF qu’ils aiment, défendre la régularité  et s’opposer à cette situation intolérable pour ne pas avoir à quitter leur Obédience. Les loges se mobilisent mais plus de 10% d’entre elles ont déjà été mises en sommeil. Les vieux maçons exclus pour avoir osé défendre les valeurs traditionnelles sont remplacés par des proches du Grand Maitre. Pour éviter les découpages politiques et les pressions inacceptables près de la moitié des provinces ont pris leur autonomie en attendant le retour à la normalité. 
Le 3 décembre prochain, vous ne pouvez cautionner la situation actuelle.
Votre absence sera le témoignage de votre réprobation et de votre affliction.
C’est avec confiance dans l’avenir de notre noble Institution et dans le ferme espoir de retrouver bientôt notre place dans la chaîne d’Union de la Maçonnerie régulière dans le monde, que nous vous prions, Très Respectable Grand Maître, de recevoir l’assurance de notre indéfectible fraternité. 
Les Signataires,
BELLET Alain – Grand Maître Provincial de Picardie-Plaine de France
CAIRE Marc – Grand Maître Provincial de Neustrie
COHEN Pierre – Grand Maître Provincial de Lutèce
DEGNY Christian – Grand Maître Provincial de Bretagne
DUCROS Georges – Grand Maître Provincial Austrasie de Champagne Ardennes
GESTAS Philippe – Grand Maître Provincial de Polynésie Française
HOUCHANGNIA Zavoche – Grand Maître Provincial de Dauphiné Savoie
JUILLET Alain – Union des Loges Régulières Françaises
MARTIN Philippe – Grand Maître Provincial d’Auvergne
MOREAU Dominique – Collectif FMR/MYOSOTIS
MURAT Jean – Assistant Grand Maître
PAROT Jacques – Grand Maître Provincial d’Asie Pacifique
PENNES Yves – Grand Maître Provincial de Paris
SEILER Claude – Collectif FMR/MYOSOTIS
STUDER Jacques – Grand Maître Provincial de Vallée du Rhône
TOFFALONI Serge – Assistant Grand Maître (démissionnaire)
TORDJMAN Charles – Grand Maître Provincial de Paris Grande Arche
TOUBOL Laurent – Grand Maître Provincial de Rouvray
VENTURINO Jean Luc – Grand Maître Provincial de Massilia

Lire à cet effet :
- L’article du Myosotis Ligérien : » Le 3 décembre est-il un rendez-vous important ?« 

Fonte: gadlu

2ème Salon du Livre et de la Culture Maçonnique de Toulouse.

L'Institut Toulousain d'Études Maçonniques organise son 2e Salon du Livre et de la Culture Maçonniques les 3 et 4 décembre 2011 à l’espace Vanel de la Médiathèque J. Cabanis.
En partenariat avec Ombres blanches et l’Incunable, 12 tables rondes sur les 2 jours aborderont des sujets maçonniques et sociétaux.

 
Fonte: GODF

Arezzo - 3 dicembre 2011: 8° edizione della Festa della Luce.

Il tradizionale appuntamento della Circoscrizione toscana per celebrare il solstizio. 
Per il secondo anno si svolge ad Arezzo presso il Centro Fiere e Congressi di via Spallanzani alla periferia della città. 
E' prevista una cerimonia rituale in grado di apprendista, la sospensione dei lavori e ingresso di familiari e ospiti. Nell'occasione Francesco Attesti eseguirà al pianoforte alcuni brani. 
Sono 21 i fratelli della comunione toscana che riceveranno il riconoscimento per i loro 40 anni di Istituzione.
Al termine si terrà un agape bianca.




Fonte: GOI

lunedì 28 novembre 2011

Santo Stefano d’Aspromonte ospita la 9^ tappa della manifestazione “150 anni dell’Unità d’Italia”.

Domenica  4 dicembre 2011 a Santo Stefano d’Aspromonte (RC), nono appuntamento con la manifestazione 150 anni dell’Unità d’Italia. Le ragioni degli altri promossa e voluta dalla Regione Calabria, Assessorato alla Cultura e attuata dall’Arci Lamezia Terme – Vibo Valentia.
I 150 anni rappresentano un’opportunità per riflettere, alla luce del federalismo prossimo venturo, sui motivi che distanziano territori che dopo anni sono diventati come giustamente affermò Massimo D’Azeglio “Italia senza italiani”. Il programma intrapreso per celebrare l’evento del 150° è un tentativo di collocare fatti storici, eventi e narrazioni nel loro contesto di riferimento favorendo la stratificazione di significati nella memoria collettiva.
Il Comune di Santo Stefano d’Aspromonte, luogo di storia e di uomini coraggiosi, lega il proprio nome alla partecipazione di  molti suoi concittadini ai fatti del Risorgimento in Calabria. I busti e le lapidi esposti all’interno del Municipio celebrano l’eroismo dei patrioti appartenenti alla famiglia Romeo; tra questi Stefano, firmatario nel 1848 della protesta contro lo spergiuro di Ferdinando di Borbone e poi deputato; Giannandrea, Gran Maestro della Carboneria, capo militare della rivoluzione calabrese del Settembre 1947 e Domenico , cospiratore con i messinesi della rivolta calabrese che gli costò la vita. La sua morte fu vendicata dal nipote Pietro Aristeo che ebbe successivamente un ruolo di primo piano nella costituzione del nuovo Regno d’Italia. Oltre alla famiglia Romeo, S. Stefano ricorda anche le gesta di Domenico Morabito martire della reazione Borbonica del 1847.
Nell’ambito della manifestazione 150 anni dell’Unità d’Italia. Le ragioni degli altri S. Stefano d’Aspromonte, ospiterà, presso la Sala Consiliare, 3 eventi culturali e la mostra fotografica itinerante 150 Italia Unita.
> Alle ore 17.30 si terrà l’incontro con Aldo A. Mola, giornalista, scrittore, direttore del Centro per la Storia della Massoneria e del Centro europeo “Giovanni Giolitti” per lo studio dello Stato nonché collaboratore dell’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (Napoli) e presidente del comitato scientifico del mensile “Storia in Rete”. Il suo libro  Storia del Risorgimento e dell’Unità (Collana, Edizioni del Capricorno, 2011) fa parte di una collana di 4 volumi in cui l’autore ricostruisce le tappe dell’epopea risorgimentale dall’età franco-napoleonica al 17 marzo 1861, giorno della proclamazione del Regno d’Italia. Il percorso storico è costellato non solo di eventi politico-militari ma anche culturali. Accanto a guerre, trattati e diplomazia trovano posto la letteratura, l’editoria, la musica, l’arte, la scienza. Il tutto corredato da un importante apparato iconografico con molte immagini inedite.
> L’incontro con l’autore sarà preceduto da una breve performance teatrale “La festa dell’oblìo – Memoria e ipocrisia sull’unità d’Italia”della Compagnia Proskenion.
> Alle ore 21.00, nella Sala Carmine in Piazza Domenico Romeo, il concerto dei Kalamu, gruppo musicale calabrese nato nel 2005. La loro musica propone brani della tradizione popolare meridionale rielaborati con l’uso di generi musicali sempre nuovi e brani originali composti utilizzando la musicalità dei loro dialetti.
I testi affrontano tematiche sociali, politiche, culturali della loro terra e del resto del mondo, attraverso occhi di giovani che non smettono di sperare in un futuro migliore.

Fonte:  Ntacalabria

venerdì 25 novembre 2011

Perugia 26 novembre 2011 Massoneria e Risorgimento in Umbria.

Convegno della loggia perugina "Fede e Lavoro" per i suoi 150 anni di fondazione.
Nel 2011 la loggia perugina "Fede e Lavoro" compie 150 anni e li festeggia in concomitanza del cento cinquantenario della nostra unità nazionale. Un anniversario così importante non poteva rimanere disatteso e l'officina ha pensato di celebrarlo in grande stile con un convegno storico di altissimo profilo. "Massoneria e Risorgimento a Perugia e in Umbria dopo la liberazione del 1860" è il titolo dell'incontro che si svolgerà nel capoluogo umbro il 26 novembre (ore 16,30) nell'aula magna della Facoltà di Agraria (Fondazione per l'Istruzione Agraria in Borgo XX Giugno). Porteranno contributi ai lavori: Catiuscia Marini, Presidente della Giunta Regionale dell'Umbria; Marco Vinicio Guasticchi, Presidente della Provincia, Francesco Bistoni, Rettore dell'Università di Perugia, gli storici Franco Bozzi e Giambiagio Furiozzi, Ordinario di Storia Contemporanea dell'ateneo cittadino. Chiude il convegno il Gran Maestro Gustavo Raffi.
L'iniziativa è inserita nel programma ufficiale del Comitato Interministeriale per le celebrazioni, indette per l'anniversario dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri.



Fonte: GOI

giovedì 24 novembre 2011

I consiglieri comunali di Marsala chiedono il restauro della tomba di Damiani.

Un gruppo di consiglieri comunali, primo firmatario Enzo Sturiano (Mpa), ha invitato il sindaco Carini a disporre il restauro della tomba monumentale di Abele Damiani, la piramide che spicca in fondo al viale centrale del cimitero.
Amico e seguace politico di Francesco Crispi, Damiani fu per ben cinque legislature, dal 1865 al '95 (quando venne sconfitto dal candidato della classe operaia Vincenzo Pipitone) deputato al Parlamento nazionale, mentre nel '98 fu nominato senatore del Regno. Fu anche sottosegretario al ministero degli Esteri. Esponente di spicco della borghesia liberale cittadina, nonché tra i fondatori, nel 1863, della prima loggia della massoneria marsalese (allora battezzata «Caprera», poi intitolata allo stesso Damiani), il politico marsalese più importante della seconda metà dell'800 partecipò, nel 1862, alla spedizione garibaldina bloccata nel sangue, in Aspromonte, dall'esercito sabaudo.
Il suo declino politico iniziò nel 1994, quando anche Damiani, in quanto seguace di Crispi, fu ritenuto responsabile della violenta e sanguinosa repressione delle manifestazioni di protesta delle classi lavoratrici (i «fasci siciliani») attuata dal governo italiano.
La cappella di famiglia a forma di piramide (chiara la simbologia massonica) fu realizzata, su progetto dell'ingegnere Gaetano Brigalia, per volontà di Angelina Damiani ed inaugurata, con una solenne ed affollatissima cerimonia, il 20 marzo 1907, nel secondo anniversario della morte del politico garibaldino.
 
Fonte:  Marsala.it
 
 Nota dello Storico Giovanni Alagna:
 
"Sopra uno sperone di roccia al margine nord-est del camposanto di Marsala, in una zona che domina l’intera area cimiteriale, si leva un monumento funebre a forma di piramide visibile anche dall’esterno. La piramide, senza ulteriori specificazioni, ci ricorda immediatamente i più noti e grandiosi monumenti ... funebri che l’uomo abbia mai costruito: le piramidi d’Egitto. Proprio grazie alla suggestione creata da quegli straordinari monumenti, la forma della piramide è stata ripresa più volte per realizzare monumenti funerari. Ricordiamo soltanto la piramide marmorea di Caio Cestio, fuori Porta San Paolo a Roma, e il monumento funebre a Maria Cristina d’Austria a Vienna, realizzato dallo scultore Antonio Canova, in cui la piramide, arricchita da raffinati elementi decorativi, viene inserita in una struttura di neoclassica eleganza. La piramide marsalese fu costruita nel 1907 per volontà di Angelina Damiani che volle realizzare una cappella funeraria per la famiglia, secondo la tradizione che si era affermata nel XIX secolo in seguito alla creazione dei cimiteri extraurbani, e al tempo stesso innalzare un monumento funebre alla memoria del fratello Abele, garibaldino ed uomo politico morto il 20 marzo 1905. Il monumento fu progettato dall'ingegnere marsalese Gaetano Brigaglia, il quale riprese la forma dell’antica piramide egizia, ma tenne presente anche il monumento funebre che Canova aveva innalzato per Maria Cristina d’Austria. Brigaglia scelse un luogo elevato affinché il monumento fosse ben visibile da lontano e costruì, intagliandola nella roccia, una scala che conduce al pianoro sul quale sorge la piramide. Un piccolo recinto in ferro battuto delimita l’area della piramide dalla base quadrangolare, rivestita interamente di marmo grigio. Sul lato sud della piramide si apre l’ingresso architravato che immette all'interno della cappella funeraria. A sinistra del portale Brigaglia collocò una statua raffigurante una figura femminile, il cui valore simbolico potrebbe essere la Libertà, o l'Ideale, che con la sinistra indica l'ingresso della cappella dove riposano i resti del Damiani, che per la Libertà e l’Ideale in genere combatté durante tutta la sua vita. Dall’altro lato dell’ingresso pose un’altra statua simbolica: una sfinge egiziana accovacciata. La forma piramidale e gli elementi decorativi dal forte valore simbolico, in particolare la sfinge, ci riportano alla struttura ideologica della Massoneria, della cui loggia marsalese Abele Damiani era stato un affiliato oltre che uno dei fondatori. Il monumento funebre fu inaugurato il 20 marzo 1907, secondo anniversario della morte di Abele Damiani, nel corso di una manifestazione voluta da Angelina e dagli amici dello scomparso deputato marsalese. La solenne cerimonia ebbe inizio al Politeama “Garibaldi” di Marsala, dove Giovanni Alfredo Cesareo, professore di letteratura italiana nell’Università di Palermo, delineò la figura e l’opera del Damiani. Si formò quindi un corteo, composto dai rappresentanti della Camera e del Senato, dalle autorità e da una gran massa di cittadini, che dopo aver sfilato per via Garibaldi si fermò in via XI maggio di fronte alla casa dei Damiani, per assistere allo scoprimento di una lapide murata sulla facciata della casa. Il corteo mosse quindi verso il cimitero dove furono deposte delle corone di fiori sulla tomba del Damiani. La piramide, che racchiude i resti di Abele Damiani e di altri membri della famiglia, meriterebbe sicuramente un restauro, sia per l’importanza che il nostro concittadino ha avuto nella storia d’Italia, sia per la singolarità del monumento all’interno di quello che potremmo definire il cimitero monumentale marsalese. "

Fonte: Marsalace.it

Medicina, un convegno sulla storia di Zannetti.

Giovedì 24 novembre, giornata di studio dedicata al dottore che ha curato Garibaldi ferito in Aspromonte nel 1862.
Una personalità e una vicenda di vita complessa: quella di Ferdinando Zannetti, medico toscano che ebbe l’onore di curare il Generale Garibaldi ferito da una pallottola nel 1862. Alla sua articolata personalità, così legata al Risorgimento Italiano, è dedicata la giornata di studi in calendario per giovedì 24 novembre (dalle 9.30 alle 18.00) al Museo di Casa Martelli, che ha sede proprio in via Ferdinando Zannetti 8. Titolo del convegno è “Il medico Ferdinando Zannetti (1801-1881): patria, civiltà, scienza”Ricco il programma degli interventi, che prevede approfondimenti su “Massoneria e mondo medico”, “Zannetti e l’insegnamento di Anatomia sublime”, “Zannetti un medico architetto per la modernizzazione dell’ospedale”, “Le carte Zannetti della Biblioteca Moreniana” e “Ferdinando Zannetti medico di fiducia della famiglia Martelli”. Le relazioni saranno intervallate dalla lettura dei carteggi del medico toscano a cura di Caterina Fornaciai. Il coro “L’Altrocanto” eseguirà invece il concerto vocale “Il canto del Risorgimento”.
Fonte: libero-news

martedì 22 novembre 2011

3,December 2011 - International Conference on American & Latin American Freemasonry: "A new past & A new future".

Perugia 26 novembre 2011 - Massoneria e Risorgimento in Umbria.

Convegno della loggia perugina "Fede e Lavoro" per i suoi 150 anni di fondazione.
Nel 2011 la loggia perugina "Fede e Lavoro" compie 150 anni e li festeggia in concomitanza del cento cinquantenario della nostra unità nazionale. Un anniversario così importante non poteva rimanere disatteso e l'officina ha pensato di celebrarlo in grande stile con un convegno storico di altissimo profilo. "Massoneria e Risorgimento a Perugia e in Umbria dopo la liberazione del 1860" è il titolo dell'incontro che si svolgerà nel capoluogo umbro il 26 novembre (ore 16,30) nell'aula magna della Facoltà di Agraria (Fondazione per l'Istruzione Agraria in Borgo XX Giugno). Porteranno contributi ai lavori: Catiuscia Marini, Presidente della Giunta Regionale dell'Umbria; Marco Vinicio Guasticchi, Presidente della Provincia, Francesco Bistoni, Rettore dell'Università di Perugia, gli storici Franco Bozzi e Giambiagio Furiozzi, Ordinario di Storia Contemporanea dell'ateneo cittadino. Chiude il convegno il Gran Maestro Gustavo Raffi. 
L'iniziativa è inserita nel programma ufficiale del Comitato Interministeriale per le celebrazioni, indette per l'anniversario dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri.


Fonte: GOI

lunedì 21 novembre 2011

Roma 21 novembre 2011 - (Il Tempo): "Burattinai e banchieri di Dio? C'è chi vuole fuggire dalla realtà".

Fonte: GOI

Roma 21 novembre 2011: Ciao Antonio, Maestro di dialogo e costruttore di sogni.

Un Fratello vero. Un uomo libero che ha sempre dato testimonianza della sua appartenenza massonica e ha saputo costruire speranza.
Dopo una lunga lotta contro una terribile malattia che non aveva piegato la sua voglia di conoscere e di impegnarsi per realizzare la Nuova Primavera della Massoneria, si è spento Antonio Calderisi, Grande Dignitario, Responsabile della Comunicazione del Grande Oriente d'Italia, già Gran Segretario Aggiunto.
Lo ricordiamo commossi quale infaticabile ideatore e organizzatore di eventi, dalle manifestazioni per il Bicentenario del GOI a quelle per i 150 anni dell'Unità d'Italia, e vera anima della Gran Loggia di Rimini.
Per lui comunicare era passione. Alle doti di grande umanità e dialogo, univa la capacità di ascoltare, di tener conto delle posizioni e poi di decidere per il bene dell'Istituzione. Gli piacevano poco i compromessi e non amava – era una delle sue frasi preferite – mischiare il vino con l'acqua.
Figlio del Maresciallo dei Carabinieri: finiva di lavorare quando tutti erano andati via. Sino alla fine ha continuato a seguire progetti, non facendo mancare il suo sostegno con incoraggiamenti e indicazioni puntuali. E quando non è riuscito più a parlare e far sentire quella sua voce romagnola che chiamava al dovere, ha saputo tracciare la strada facendosi presente con una email che, insieme al lavoro da fare, ricordava sempre il suo affetto per il suo Gran Maestro, il suo amico di sempre, e per tutti i Fratelli.
Antonio ci ha insegnato molto. L'umiltà del dovere quotidiano, la forza dei percorsi a lungo termine, la capacità di andare oltre i problemi leggendo ogni avvenimento in un orizzonte più grande. Pietra su pietra ha immaginato, creato e accompagnato tante svolte del Grande Oriente: dalla comunicazione ai tavoli di confronto, dall'organizzazione alla delicatezza del modo di porsi che si accompagnava alla prontezza di scegliere soluzioni possibili, senza mai gettare la spugna davanti a tanti ostacoli incontrati sul cammino. Sapeva raggiungerti quando era il momento opportuno, e lasciare la scena dopo aver preparato un palco e reso possibile un dibattito. Non amava le luci ma sapeva puntarle sui suoi collaboratori. Faceva spazio all'altro, facendo crescere e mettendo in rete sinergie e risorse.
Come i costruttori medioevali, per lui era importante che anche i luoghi parlassero, raccontando una storia. Lascia un esempio di vita e di pensiero di cui tutta l'Istituzione farà tesoro.
Una lezione di impegno che è anche cantiere di proposte per il domani. Perché per lui, come per tanti Fratelli veri, l'unico tempo che ci appartiene è il futuro. Ora che è all'Oriente Eterno, abbiamo una nuova stella nel Pantheon degli uomini che indicano un sentiero che resta. Ci mancherà il suo sorriso e la sua cartella piena zeppa di appunti. Ora quei fogli sono sulla sua scrivania, accanto all'acacia e alle foto che raccontano decenni di comunione fraterna. Scatti e percorsi della sua vita iniziatica, di cui andava orgoglioso.
Ciao Antonio, non ti dimenticheremo.


Roma, Villa il Vascello, 21 novembre 2011

Fonte: GOI

venerdì 18 novembre 2011

21 Novembre 2011: 61ème Anniversaire de la "GRANDE MAÎTRISE DU LIBAN".


Communiqué du Grand Orient Arabe Œcuménique : 

Le Grand Orient Arabe est une ancienne Obédience Maçonnique fondée au Liban en 1950. Elle n’existe plus en tant que telle depuis sa fusion en 2010 avec le Grand Orient Arabe Œcuménique,Obédience Maçonnique Française d’Etude et de Recherche (www.goao.org ) pour former le « Grand Orient Arabe Œcuménique ». 
Chaque pays ayant sa propre Obédience. 
La « Grande Maîtrise Mondiale » regroupe les « Grandes Maîtrises » de chaque pays où le Grand Orient Arabe Œcuménique est implanté. 
A ce jour, le Grand Orient Arabe Œcuménique est présent en France, à la Réunion, au Moyen-Orient ( Liban, Palestine, Syrie *), et au Japon. 
Le Grand Orient Arabe Œcuménique prône, en dehors de ses structures, le dialogue interreligieux et vise à porter la fraternité au-delà des confessions. Constatant que peu de français et d’européens de confession musulmane fréquentent les obédiences maçonniques faute d’y trouver leurs repères culturels, le G.O.A.O. travaille avec un nouveau rite dit Œcuménique décrit plus loin. 
L’obédience est ouverte aux hommes et aux femmes de toutes nationalités, de toutes races et de diverses croyances. Elle vise à placer la fraternité non pas au-dessus des confessions, mais au-delà, et veut faire en sorte que chacun puisse découvrir et s’enrichir des pensées de l’autre. Elle rappelle que la laïcité qui la structure qui n’est pas une forme d’athéisme et que, naturellement comme partout en maçonnerie, la religion et la politique restent aux portes de la loge, propriétés du monde profane. 
* Au Moyen-Orient, région frappée par la guerre et le terrorisme, profondément divisée politiquement et religieusement, les « Loges » et les « Triangles » du Grand Orient Arabe Œcuméniqueconstituent un oasis de paix et de tolérance, où les hommes de bonne volonté transcendent leur différences pour joindre leur mains et leur esprits, liés par leur aspiration commune de créer un monde meilleur, de s’améliorer eux-mêmes et de contribuer à la construction d’une société plus rationnelle, fondée sur les principes de liberté, d’égalité et de fraternité.

Fonte: Gadlu, Grand Orient Arabe Œcuménique

9e Salon Maçonnique du Livre 2011 à Paris.


Fonte: GLDF

mercoledì 16 novembre 2011

Roma, 25 Novembre 2011: Convegno organizzato dall’Associazione The Polis e dall’Eurispes sul tema: Un nuovo modello economico è possibile?

In un momento di tensioni mondiali, nel quale gli ideali non agiscono più da propulsori di civiltà ma, non compresi, vengono contraddetti o violentati da meri giochi di potere, la capacità di produrre idee ed eticità, da traslare poi sul piano delle realizzazioni, è il primario desiderio dei Liberi Muratori che continuano la loro ricerca per il bene dell’uomo e dell’umanità.
Oltretutto in una situazione come quella attuale dove vengono meno certezze e garanzie e dove la persona si sente sempre più sola ed è portata, dall’estrema competizione, all’individualismo, vi è bisogno di rompere l’egemonia del pensiero unico che fonda tutto sul primato dell’economia e considera la persona, se non è funzionale al profitto, ramo secco da tagliare.
Di fronte ai risultati macroeconomici di questi anni è imprescindibile partecipare ad una discussione su come sviluppare o almeno sognare un modello di società in grado di riportare l’uomo e non il consumatore, al centro di ogni azione economica, sociale e politica.
Per questo abbiamo deciso di partecipare, a titolo personale, con un nostro intervento, al convegno organizzato dall’Associazione “The Polis” e dall’Eurispes sul tema: Un nuovo modello economico è possibile?
Il convegno si terrà a Roma, il giorno 25 Novembre 2011, presso la Sala delle Carte Geografiche, in via Napoli, dalle ore 9,30 alle 13,30.
Fonte: GLDI

20 Novembre 2011 - Av Division del Norte y Rio Churubusco: 9ª Payasolimpiada.

 
EL CLUB PAYASOS DE MÉXICO INVITA A SU 9a PAYASOLIMPIADA
Más de 100 payasos compitiendo en juegos.
Payasocompetencias acuáticas
Donación de alimentos para las Casas Hogar del Padre Chinchachoma,
También el público puede donar (no es obligatorio)
Este domingo 20 de noviembre sus HH los lobos azules les pedimos que se olviden de sus problemas y se vengan a divertir con toda su familia en las instalaciones de la alberca olimpica de las 11 de la mañana a las cuatro de la tarde.
 
Fonte:   Leobardo Gonzalez, Marco Antonio Jmz Gtz

4° Ciclo de Conferencias La Masonería y la Revolución.

Descripción del evento
Jueves 17 Ceremonia de inauguración 19:30 hrs.
Conferencia
“Personajes de la Revolución:
Notas para la historia no oficial”
por el Profesor Álvaro López López 20:30 hrs.
Viernes 18 Mesa de Diálogo Tema: El Laicismo en México
ponentes: Jorge Luis Núñez Aguirre
José María González Lara,
Sigfrido Macias Pérez y
Luis Fernando Hernández González
Moderador:
Mtro. en Derecho Jorge Luis Chávez Martínez
 
Fonte:  Raúl Alberto Rodríguez

La Masonería en Sevilla: Libro y ciclo de conferencias.

El lunes 14 de noviembre, a las 19:30 horas, tendrá lugar en el salón de actos de la Casa de la Provincia de Sevilla (Pza. del Triunfo, 1) la presentación del libro La Masonería en Sevilla y provincia en el último tercio del siglo XIX , del cual es autor Eduardo Enríquez del Árbol, profesor de la Universidad de Granada, editado por la Diputación sevillana. La presentación del mismo correrá a cargo del catedrático de instituto y profesor de la Universidad Pablo de Olavide, Juan Ortiz Villalba.
Ciclo de conferencias "La masonería en la Sevilla contemporánea" del 4 al 21 de Noviembre 2011
Con motivo de la publicación de este libro, la Asociación Andaluza de Recuperación de la Memoria Histórica "Manuel Barrios Jiménez", ha organizado un ciclo de conferencias sobre "La masonería en la Sevilla contemporánea". Juan Troncoso Pardo, presidente de dicha asociación, manifiesta:
"Con motivo de la edición por la Excma. Diputación Provincial del libro del profesor Enríquez del Árbol La masonería en Sevilla y provincia en el último tercio del siglo XIX, la Asociación Andaluza para la Recuperación de la Memoria Histórica ‘Manuel Barrios Jiménez’ organiza en colaboración con la Diputación este ciclo de conferencias. No sólo porque el tema es uno de los más sugestivos de la historia contemporánea de nuestra ciudad y provincia, sino también porque Manuel Barrios Jiménez, el diputado y secretario provincial del PSOE, fusilado junto a Blas Infante y otros, fue miembro convencido de la Orden del Gran Arquitecto del Universo, como sus compañeros de martirio y tantos demócratas y progresistas de Sevilla y Andalucía represaliados por el franquismo".
Todas las conferencias se realizarán en la Casa de la Provincia de Sevilla y la entrada es libre.
Programa Viernes 4 de noviembre de 2011 "¿Qué es la masonería? La masonería en la historia contemporánea de Andalucía" Leandro Álvarez Rey. Catedrático de la Universidad de Sevilla.

Lunes 7 de noviembre de 2011 "Masonería y represión: los masones de Andalucía Occidental en las profesiones sanitarias" Mª Victoria Fernández Luceño. Doctora en Historia.
Jueves 10 de noviembre de 2011 "El antimasonismo en la Sevilla contemporánea" Carmen Fernández Albéndiz. Profesora de la Universidad de Sevilla.
Lunes 14 de noviembre de 2011 Presentación del libro, editado por la Diputación provincial de Sevilla, La masonería en Sevilla y provincia en el último tercio del siglo XIX , obra de Eduardo Enríquez del Árbol, profesor de la Universidad de Granada. Presenta el libro Juan Ortiz Villalba, catedrático de instituto y profesor de la Universidad Pablo de Olavide.
Jueves 17 de noviembre de 2011 "Las mentalidades en Sevilla durante el último tercio del siglo XIX" José Domínguez León. Catedrático de instituto y profesor de la Universidad Nacional de Educación a Distancia.
Lunes 21 de noviembre de 2011 "Masonería y política en Sevilla durante el Sexenio Revolucionario (1868-1874)"Eloy Arias Castañón. Profesor titular de la Universidad de Sevilla.
 
Fonte: globedia

La GL d'ARGENTINE suspend sa Reconnaissance de la GLNF.

A.·.L.·.G.·.D.·.G.·.A.·.D.·.U.·.
 
 

A TODOS LOS VENERABLES MAESTROS DE LAS
LOGIAS CONSTITUYENTES DEL ORIENTE NACIONAL:

Cortésmente, se os informa que, mediante Gran Plancha fechada en Buenos Aires el 11 de noviembre de 2011, EV, la Gran Logia de Argentina suspende el reconocimiento de la Gran Logia Nacional Francesa.
 
Favor de dar lectura a esta plancha en la próxima tenida ordinaria de vuestro taller.

Se os extiende un TAF en SFU,

RH Miguel SAVIÑÓN-ANTONI
Gran Comisionado de Relaciones Exteriores
Gran Logia de la República Dominicana, Inc.

Preparatory reunion of the Interamerican Masonic Confederation General Assembly.



martedì 15 novembre 2011

Applicazione Android del Notiziario Massonico Italiano.

Nasce l' applicazione per dispositivi Android del Notiziario Massonico Italiano, cercala tra le applicazioni gratuite sul Market_Android alla voce: Massoneria, oppure: Notiziario Massonico. Presto l'applicazione sarà disponibile anche per i dispositivi Apple ( I-Phone, I-Pad, I-Pod).
La Tradizione unita all' Innovazione.





Fonte: Notiziario Massonico Italiano

lunedì 14 novembre 2011

Torino 14 novembre 2011: il “Piccolo Cosmo” degli Asili Notturni.

La costruzione si trova oltre l'incrocio tra via Ormea e corso Dante. Sa di antico. E' quasi elegante.
Realizzata dai Fratelli Massoni, già alla fine dell'Ottocento ospitava i senza dimora e la sua storia è giunta fino a noi.
«Sono credente, e sono un massone ortodosso – dice con sicurezza Sergio Rosso, presidente della Onlus Asili Notturni Umberto I° - ho sempre cercato di recare con me i valori della fratellanza e della libertà.
Chi soffre è, per il massone, un fratello bisognoso di aiuto; nulla a che fare con le degenerazioni di alcuni ambiti della massoneria, che hanno interessato la storia del nostro Paese».
Dopo la nascita degli Asili Notturni, nel 1999 è nato il progetto Piccolo Cosmo: sedici alloggi in via Ormea e altrettanti in via Cosmo, vicino alla Gran Madre, nella zona di piazza Vittorio, dove sono ospitati gratuitamente pazienti affetti da pesanti patologie e i loro familiari.
Tutte persone che provengono da altri comuni, e nell'impossibilità di sostenere le spese di soggiorno lungo l'arco del percorso terapeutico di day-hospital.
Anche Piero Fassino prima di diventare sindaco ha visitato la struttura ("Piccolo Cosmo" nel suo genere è la prima d'Italia fra quelle gratuite). L'Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Torino e l'assessorato all'Ambiente della Regione Piemonte, nell'ambito di un progetto di recupero del cibo e tramite il "Banco Alimentare", fanno pervenire agli Asili Notturni pasti non serviti in alcune scuole cittadine.
Ma, prima di parlare di "Piccolo Cosmo", lo psicologo Marco Cauda, uno dei 180 volontari che operano nella struttura, di cui 50 medici (diversi odontoiatri), ci accompagna a visitare i locali del centro.
In un'ampia sala c'è la mensa, dove annualmente sono serviti 80.000 pasti caldi e distribuite decine di migliaia di sacchetti di alimenti freddi.
Tranne i pasti non serviti in alcune scuole cittadine, tutto il resto, e ciò vale per ogni altro comparto degli Asili Notturni, è frutto delle donazioni di aziende e privati cittadini, come ha sottolineato Giandomenico Bosurgi, un volontario, prima dell'inizio della vista: «Operiamo per il bene dell'umanità, ispirandoci al principio dell'eguaglianza di tutti gli uomini. Ci autofinanziamo e doniamo fraternamente a italiani e stranieri, credenti e no; ogni uomo, in fondo, è l'umanità»
Attraversiamo con il dottor Cauda gli studi medici dove vengono offerte, a chi vive in condizioni di grave marginalità, oltre 2.600 prestazioni all'anno. Sono curate patologie della pelle, bronchiti e broncopolmoniti; frequenti in chi non ha una dimora e vaga a lungo per la strada, esposto alle intemperie.
L'ambulatorio medico e studio oculistico rappresentano un punto di riferimento per italiani e stranieri, persone spesso prive di un medico di base e dell'accesso ai farmaci di cui necessitano.
Nel tempo la presenza di immigrati nordafricani, nigeriani, albanesi ed est europei, si è accresciuta. Segno del disagio diffuso e sommerso che attraversa la nostra società che, anche al di là della crisi economica, presenta sperequazioni vistose, che si accentuano ulteriormente negli strati occupati dagli immigrati.
Il sogno del modello multietnico, senza eguaglianza, per molti può diventare un incubo.
Altre sofferenze diffuse tra coloro che giungono, a volte attraverso il passa parola, agli Asili Notturni, sono quelle odontoiatriche. Vengono prestate cure di alto livello, sia per otturazioni ed estrazioni sia per l'applicazione di protesi, sempre gratuitamente.
Il 61% proviene dai Servizi sociali; le centinaia di prestazioni fornite interessano per il 40% donne, l'età è compresa tra i 16 e i 50 anni. Tutto ciò, assieme ai costi di bollette, tasse, trasporto vivande, sistemi antincendio, arredi, lavanderia etc... etc..., comporta una spesa notevole ma, assicura la direzione, è pari ad un quinto di quella di analoghe strutture pubbliche (I bilanci sono a disposizione di chi volesse prenderne visione).
«Sono 8000 l'anno gli ospiti del nostro dormitorio – racconta Cauda, mentre indica le camerette di due o tre posti. - La permanenza è possibile per 30 giorni e, dopo una pausa di 60, è possibile rientrare. Per garantire un ricambio e fornire aiuto ad un vasto numero di persone».
E arriviamo a "Piccolo Cosmo". Un totale di 32 alloggi tra la sede di via Ormea e quella di via Cosmo.
Pazienti che hanno fatto un trapianto di fegato o rene, altri che lottano contro gravi forme leucemiche, provenienti dal policlinico "Le Molinette", o dal centro tumori di Candiolo.
Con i loro parenti, uno o due, hanno ospitalità gratuita per tutta la durata delle cure. Oltre agli alloggi, forniti di tutti i comfort, esiste una zona comune con cucina, divani, pianoforte e carrello bar. Tutti sono liberi di entrare e di uscire senza restrizioni di orari
«Gestiamo un centro di ascolto e assistenza per tutti quei pazienti che non hanno una patologia ben definita e vengono spesso rimpallati dai Servizi – dice Cauda - Ci proponiamo quindi come una struttura complementare. Per quanto riguarda "Piccolo Cosmo", spesso l'appoggio psicologico lo forniamo a chi assiste i propri cari malati, ne hanno bisogno più dei pazienti stessi a volte.»
Quindi, il lavoro volontario di tanta gente, l'organizzazione e una base di valori universali, hanno dato vita a questa realtà nel cuore di Torino. Un esempio, fortunatamente non l'unico, di Privato sociale che, integrato con l'attività dei Servizi pubblici, offre la possibilità di difendere la propria dignità a chi altrimenti sarebbe condannato a quell'antico e terribile castigo che si chiama indifferenza.( di Paolo Fallico).

Fonte: nuovasocietà

Conférence GLDF : De l’instruction à l’éducation, quelle école pour demain ?


Le Jeudi 17 novembre 2011 à 18h00, la Commission des droits de l’homme et du citoyen et la Grande Loge de France organise une conférence publique sur le thème  « De l’instruction à l’éducation, quelle école pour demain ? » par Rama Yade, ancienne ministre au Grand Temple de la GLDF, 8, rue Puteaux, 75017 Paris.

 

Fonte: gadlu

Udine 13 novembre 2011 - (Messaggero Veneto): I massoni contro i localismi: valore a ciò che unisce.

Fonte: GOI