lunedì 30 aprile 2012

Bordeaux 12 e 13 maggio 2012: Biennale di Cultura Massonica


Si terrà a Bordeaux il 12 e 13 maggio 2012 la Biennale di Cultura Massonica presso la sede della Maison de la Promozione Sociale Aquitaine Avenue, Virecourt 24 - Quasi 33.370 Artigues-Bordeaux. Un grande evento che vedrà presenti autori, librai, musica, teatro, cinema, fotografia.

Obbedienze Presenti:

  • Grand Orient de France
  • Fédération française du Droit Humain
  • Grande Loge de France
  • Grande Loge Féminine de France
  • Grande Loge Traditionnelle et Symbolique Opéra
  • Grande Loge Féminine de Memphis Misraïm
  • Loge Nationale Française
  • Grande Loge Mixte Universelle
  • Grande Loge Mixte de France
Le Conferenze:
  • Guy Arcizet, Grand-Maître du GODF - L’initiation maçonnique, un engagement fraternel, humaniste et universaliste pour aujourd’hui

  • Pierre Audureau - Les ressorts de l’initiation

  • Laure Caille - Les premières franc-maçonnes

  • Bernadette Capello, Grand-Maître de la GLFMM - L’initiation maçonnique, un engagement fraternel, humaniste et universaliste pour aujourd’hui

  • Brigitte Castella-Rousseau - Ecrire une autre histoire des hommes et des femmes : la mixité en loge

  • Jean-Pierre Donzac - La première loge écossaise à Bordeaux

  • Christian Fleurentdidier, Grand-Maître de la GLMF - L’initiation maçonnique, un engagement fraternel, humaniste et universaliste pour aujourd’hui

  • Eric Giacometti - La Franc-maçonnerie dans la construction de l’imaginaire romanesque

  • Robert Guinot, Président du Conseil national de la LNF - L’initiation maçonnique, un engagement fraternel, humaniste et universaliste pour aujourd’hui

  • Percy John Harvey - Les fondements symboliques de l’initiation maçonnique

  • Françoise Moreillon - Le rite d’Adoption

  • Denise Oberlin, Grande-Maîtresse de la GLFF - L’initiation maçonnique, un engagement fraternel, humaniste et universaliste pour aujourd’hui

  • Jean-Marc Pétillot, ancien Grand-Maître de la GLTSO - L’initiation maçonnique, un engagement fraternel, humaniste et universaliste pour aujourd’hui

  • Jacques Ravenne - La Franc-maçonnerie dans la construction de l’imaginaire romanesque

  • Cécile Révauger - Comparaison des concepts anglo-saxons et français de la franc-maçonnerie

  • Guy Roman, Grand-Maître de la GLMU - L’initiation maçonnique, un engagement fraternel, humaniste et universaliste pour aujourd’hui

  • Jacques Samouelian, président du Conseil national de la Fédération française du DH - L’initiation maçonnique, un engagement fraternel, humaniste et universaliste pour aujourd’hui

  • Jean-Pierre Tandin, Grand-Maître Adjoint du GODF - La franc-maçonnerie adogmatique, culturellement métissée ?

  • Louis Trebuchet, Grand-Maître Adjoint de la GLDF - L’initiation maçonnique, un engagement fraternel, humaniste et universaliste pour aujourd’hui

  • Jacques Zacharie - Allégories et symboles à Bordeaux

La Biennale Culturelle Maçonnique de Bordeaux Fonte: Gadlu, Arco Reale,  Imaq

sabato 28 aprile 2012

1 Mai 2012 La Grande Loge Féminine de France honore Louise Michel

Fonte: GLFF

COLLOQUE GLFF - Cité du Couvent – 75011 Paris: QUEL PROJET D’UN VIVRE ENSEMBLE INTERGENERATIONNEL ET HUMANISTE ?

Fonte: GLFF

Mardi 15 Mai 2012: Conférence : Mémoire Demain "Déportation et crime contre l'humanité"

Fonte: GODF

Le 12 Mai 2012 à Paris: Conférence publique "Etre ou ne plus être face à la science"


Fonte: GODF

Grand Orient de France : tradition et modernité

Guy Arcizet se rendra à Laval, le 4 mai 2012 pour la conférence publique «Grand Orient de France : tradition et modernité» organisée par la Loge maçonnique Volney de Laval
Guy Arcizet, Grand Maître, donnera une conférence publique à Laval sur le thème «Grand Orient de France : tradition et modernité».
La conférence organisée par le Cercle Philosophique et Culturel Lavallois aura lieu
le vendredi 4 mai 2012 à 20h30.
Centre multiactivités
25, rue Albert Einstein,
53000 Laval (St Nicolas)

Entrée libre

Fonte: GODF

giovedì 26 aprile 2012

lunedì 23 aprile 2012

LA “MASSONERIA DELLE ANTICHE PIETRE ” ( Il Perchè di una Scelta - Parte II°)


“Massoneria delle Antiche Pietre”. 
Questo il primo e più evidente riferimento storico-ritualistico ed esoterico-iniziatico con cui da più di due lustri si rapporta il Corpo Azzurro degli Antichi Liberi ed Accettati Massoni della Gran Loggia Nazionale Italiana della storica Comunione di Piazza del Gesù.  
Il secondo, è stato da tempo identificato nell'enorme bagaglio culturale e sociale rappresentato da tutti gli accadimenti che culminarono con la fine del 1600 prendendo avvio da quella che lo storico medievista Charles Haskins definì la “Rinascenza del XII° secolo”. Una posizione – quella della citata Gran Loggia - prima e unica nel panorama massonico italiano, e tale da meritare divulgazione e certamente qualche riga di approfondimento.
La scelta che negli anni è stata adottata, approfondita e affinata, per renderla meglio coerente allo specifico contesto, non è frutto del caso né rappresenta un banale esercizio intellettuale: è stato semplice accertare come in realtà il Medioevo abbia segnato il momento in cui lo studium si iniziò a svincolare dal potere esclusivo testimoniato da quei conventi, monasteri, vescovadi e piccole corti che, fino a quel momento, avevano gestito in via esclusiva il sapere e l'insegnamento. [Leggi...]

Fonte:  G.·.M.·.E.·. Fr.·. Giuseppe Bellantonio
__________________________________________________________________
Sono rigorosamente Vietati la Riproduzione, la Traduzione, l'Adattamento, anche parziale e/o per estratti, per qualsiasi uso e con qualsiasi mezzo effettuati, senza la preventiva Autorizzazione scritta dell' Editor del " Notiziario Massonico Italiano" e comunque sempre con l'Obbligo di citare l' Autore e la Fonte. 
     __________________________________________________________________

giovedì 19 aprile 2012

Il Perchè delle Api

Il Perchè delle Api - Tavola Massonica del Fr.·. Ripa Montesano.·.

Fonte: Il Serenissimo Gran Maestro Fr.·. Domenico Vittorio Ripa Montesano.·.

I Venerdì del Maestro - “Il Maestro Libero Muratore: la figura di Hiram Abif”

Fonte: Fr.·. Giannetto Giuseppe.·.

Colloque GLFF : Quel projet d’un vivre ensemble, intergénérationnel et humaniste ?

Le 28 avril 2012 à Paris, un colloque sera organisé par la Grande Loge Féminine de France sur le thème  « Quel projet d’un vivre ensemble, intergénérationnel et humaniste ?  : Comment renforcer le lien et la transmission entre jeunes et anciens ?« 
Samedi 28 avril 2012, de 9h à 17h, cité du Couvent, 75011 Paris, M° Charonne.
A noter que ce colloque est ouvert à toutes et tous, profanes et francs-maçons.
Voir la présentation et le programme ci-dessous :
En 2012, le premier colloque « développement durable » de la GLFF prend appui sur le dernier rapport « Vieillissement de la population mondiale : 1950-2050 », où l’Organisation des Nations Unies, l’ONU, souligne que, d’ici 2050, le nombre des plus de 60 ans aura triplé et représentera à l’échelle mondiale deux milliards de personnes, soit plus que la population jeune.
Derrière la question de l’intergénérationnel, il y a donc la question du temps qui passe et de l’évolution dans le temps de la place et du rôle de chacun. C’est une vraie question de développement durable de notre société dans la mesure, et l’histoire des civilisations nous l’apprend, où les plus anciens transmettent aux plus jeunes et où ces derniers soutiennent leurs aînés.
Mais quel avenir possible et durable construire quand de récents travaux montrent que dans la population française : « la solidarité intergénérationnelle est de moins en moins perçue comme un
devoir moral » ?
Et puis, avec ce « vivre ensemble », une question est aussi posée sur les conditions effectives et collectives de vie de l’Homme sur terre avec la préservation nécessaire des ressources naturelles (l’eau, l’air, l’alimentation, l’énergie…).
Pour essayer de définir ensemble le contenu d’un « projet du vivre ensemble, intergénérationnel et humaniste », sept grandes questions sont posées aux participants de la journée :
  • Chacun, comment être responsable de tous ?
  • L’intérêt général, fondement de l’intergénérationnel ?
  • Pour quelle courtoisie de l’être ensemble ?
  • Comment apprendre à préparer et à vivre sa vieillesse ?
  • Quelle place donner à l’expérience ?
  • Comment enrichir et transmettre notre héritage collectif commun?
  • La sobriété, une éthique d’avant-garde ?
 Fonte: Gadlu

mercoledì 18 aprile 2012

martedì 17 aprile 2012

Salone Internazionale del Libro di Torino 2012: Al Lingotto i libri e gli oggetti massonici


Fonte: GLDI

Archivo Masónico - número 26

Los masones en la Guerra Civil de 1891, Logia Fraternidad y Progreso, de Iquique (1875-1918), Diego Portales y su idea de utilizar a la Masonería, Logia Deber y Constancia Nº7, Santiago (1869-1882) y La Cremación de cadáveres en Chile (1881).





Fonte: Fr.·. G. Bartoli.·.

Favola Massonica

Fonte: GOI

Oreste Dito e la sua ricca eredità per la settimana della cultura

Fonte: GOI

Orazio Antinori, esploratore perugino al Morlacchi

Fonte: GOI

Compiano, nuova gestione per l'antico maniero

Fonte: GOI

sabato 14 aprile 2012

IL PERCHE' DI UNA SCELTA

Federico II di Svevia
Al di là di ogni atto che, all'interno dei singoli contesti, giovi a testimoniare la correttezza e la completezza della comunicazione, vi sono dei doveri di cronaca che coinvolgono quanti a vario titolo – per passione, per studio o anche solo per semplice quanto sana curiosità – seguono le vicende della Massoneria Italiana, nel suo articolato e complesso contesto. Ecco il perché di questa Tavola: far conoscere il processo interno che, maturando negli anni, ha comportato la personale adesione di chi scrive anche ad una “Confraternita” Massonica simbolicamente quanto chiaramente riferita a Federico II di Svevia; lo “Stupor Mundi” di cui in molti oggi riscoprono l'eccellenza, giungendo a qualificanti elaborazioni nel raffronto con la nostra epoca. Un'analisi, quella dell'opera e dei relativi riflessi dell'azione di Federico II di Svevia, che per noi Iniziati tende a contrapporsi con quella che interessa l'altro Federico II, il Prussiano. Ricordiamone qualche tratto.
Federico II della casata Hohenstaufen (1194-1250): Re di Sicilia, Duca di Svevia, Re di Germania, Imperatore del Sacro Romano Impero, Re di Gerusalemme, la madre fu Costanza della casata normanna degli Altavilla; chiamato anche Stupor Mundi o Puer Apuliae.
Federico II della casata Hohenzollern (1712-1786): Re di Prussia, la madre fu Sofia Dorotea della casata Hannover; chiamato anche Il Grande o Il Monarca Illuminato.
Due monarchi con una distinta visione di comando e di governo, due Corti che operarono in modo radicalmente diverso, un contesto di nobili e dignitari del tutto differente: in sintesi, due sovrani che segnarono epoche tra loro diverse e difficilmente paragonabili ma che lasciarono profondi e non coincidenti segni del loro passaggio; almeno per ciò che riguarda le specifiche sensibilità di quel mondo iniziatico che, via via, ebbe ad identificarsi con l'Arte Reale. Ma già il loro albero dinastico dice molto, ancor prima di valutarne l'opera e gli influssi.
Il riferirsi a questi due personaggi – almeno per i lunghi studi ed i severi approfondimenti condotti nel contesto del Corpo degli Antichi Liberi ed Accettati Massoni della Gran Loggia Nazionale Italiana della storica Comunione di Piazza del Gesù – non è un caso né un banale esercizio intellettuale, al di là delle particolarità che – a fini del tutto distintivi - pur abbiamo adottato. [ Leggi ... ]


Fonte: G.·.M.·.E.·. Fr.·. Giuseppe Bellantonio
____________________________________________________________
Sono rigorosamente Vietati la Riproduzione, la Traduzione, l'Adattamento, anche parziale e/o per estratti, per qualsiasi uso e con qualsiasi mezzo effettuati, senza la preventiva Autorizzazione scritta dell' Editor del " Notiziario Massonico Italiano" e comunque sempre con l'Obbligo di citare l' Autore e la Fonte. 


Trapani 15 aprile 2012 Presentazione del libro 'La presenza massonica nel territorio trapanese dal 1772'

L'autore con il libro "La presenza massonica nel territorio trapanese dal 1772" sottolinea come all'evoluzione civile e sociale nel territorio della provincia di Trapani, nei secoli XVIII e XIX, abbiano influito notevolmente la Massoneria e la Carboneria alle quali attribuisce il merito di avere diffuso le idee libertarie agendo, in primo tempo, sulla nobiltà e, successivamente, penetrando tra le masse, avvalendosi di uomini di indubbia fede laica che incideranno notevolmente sui moti popolari e riusciranno ad attirarsi l'attenzione ed il contributo ideale e patriottico di parte del clero secolare e regolare. L'autore evidenzia, altresì, la penetrazione delle Logge dei Liberi muratori fornendo un contributo di ricerca documentale sulla loro distribuzione sul territorio. Sullo sfondo, l'azione di Giuseppe Garibaldi, Prodittatore e massone, che con propri decreti riuscirà a stabilizzare le Istituzioni trapanesi inserendo alla guida delle stesse uomini di indubbie capacità e di riconosciuto amore per la Patria unita. Sullo sfondo, altresì, il continuo e forte confronto tra la Chiesa locale e la Massoneria.
 
 
Fonte: GOI

Montecatini 14 aprile 2012 - "Seminario sul Maestro Venerabile"

Continua l'impegno della Giunta toscana nell'approfondimento di alcune figure della Loggia. Il Seminario proposto è sul ruolo e sulla funzione del Maestro Venerabile,e si svolgerà sabato 14 aprile a Montecatini presso il Grand Hotel Vittoria con inizio alle 16.Condurranno il seminario nel ruolo di relatori: Luigi Sessa, Gran Maestro Onorario del G.O.I., Claudio Bonvecchio, Gran Consigliere alla cultura, Stefano Bisi, Presidente Collegio Circoscrizionale della Toscana, Moreno Milighetti, vice presidente Collegio Circoscrizionale della Toscana. Il seminario vedrà la partecipazione del Gran Maestro Gustavo Raffi. Si precisa che la partecipazione è riservata esclusivamente al grado di maestro e che è obbligatoria l'iscrizione presso la segreteria del Collegio.
 Fonte: GOI

giovedì 12 aprile 2012

Colloquio e Grande Assemblea Generale del CLIPSAS 2012.

Incontro annuale del CLIPSAS, organizzato dalla Gran Loggia del Marocco, 
a Casablanca il 18 e 19 Maggio 2012


Clipsas
Il consueto incontro annuale del CLIPSAS che prevede un Colloquio (conferenza aperta a tutti) e l’Assemblea Generale delle Obbedienze Membri si terrà quest’anno all’Oriente di Casablanca, su organizzazione della Gran Loggia del Marocco.
 
Il Colloquio, che avrà per tema “La gioventù di oggi e la Massoneria” si terrà il giorno 18 maggio, mentre l’Assemblea Generale avrà luogo il giorno successivo.
Come sempre sono previste attività alternative per gli accompagnatori, una cena di gala al termine della Assemblea Generale ed una Tornata Rituale Internazionale di chiusura la mattina di domenica 20 maggio.
Il CLIPSAS vanta nel suo seno 71 Obbedienze rappresentative di tutti i continenti a schema liberale, ed ha recentemente acquisito lo status di Membro Osservatore dell’ECOSOC presso le Nazioni Unite. Sul sito Internet del CLIPSAS (www.clipsas.org.) potrete trovare esaustivi riferimenti storici ed istituzionali su questa importante associazione massonica internazionale. 

Fonte: GLDI

Convegno Nazionale: “Federico II di Svevia: verità svelate e rivelate”

Prato 5 Maggio 2012, presso il Teatro “G. D’Annunzio” - Convitto Nazionale Statale Cicognini, Piazza del Collegio 13


Federico II di Svevia re di Sicilia e imperatore del Sacro Romano Impero, fu una di quelle rare figure capaci di diventare mito quando era ancora in vita. Definito dagli estimatori “stupor mundi” e considerato dai nemici l’anticristo, fu una personalità unica, figlio del Medioevo ma al tempo stesso capace di precorrere i tempi, delineando orizzonti politici e culturali assolutamente nuovi.
La grandezza dell’uomo, trova un testimone d’eccellenza in Dante che, pur dannandolo fra gli eretici, lo definì: “ultimo imperatore de li Romani” (Cv. IV), “segnor […] d’onor sì degno” (If. XIII), “il terzo [vento] e l’ultima possanza di Soave” (Pd. III 120) e “l’illustre eroe” (V.E. I).
Di questo pilastro del passato, ne parleremo a Prato il 5 Maggio 2012 E. V. nel corso di un convegno nazionale intitolato: “Federico II di Svevia: verità svelate e rivelate
La scelta di Prato non è casuale, giacché nel corso del XIII secolo Federico decise di costruire in terra di Tuscia, già divisa fra Guelfi e Ghibellini, delle opere fortificate che fossero d’ausilio ai suoi fedeli. Fu così prima eretta la rocca di San Miniato e, nel 1247, su un precedente maniero degli Alberti, il castello di Prato. Sorse così un massiccio edificio in albarese bianco, di forma quadrata con torri angolari e merlatura ghibellina e ingentilito da uno splendido portale, inquadrato da paraste, sormontato da timpano e affiancato da due leoni in pietra.
La costruzione divenne in seguito un presidio fiorentino e venne collegato alle mura trecentesche di Prato con un camminamento coperto, chiamato “cassero”. Fu protagonista di numerose vicende storiche, fra l’altro, fu silente testimone del sacco di Prato: l’orrenda carneficina iniziata il 29 Agosto del 1512, quando gli Spagnoli irruppero in città e in 21 giorni uccisero 6000 persone.
Probabilmente, qualcuno allora, guardando il bianco castello, ripensò, con nostalgia, ai tempi del “Secondo Federico”, quando i falconetti non sparavano nel mucchio, l’odio di parte non coinvolgeva gli inermi e la guerra era sottoposta a regole da tutti rispettate.
Il Convegno sarà ospitato nello storico Convitto Cicognini che, fondato nel 1692, ebbe fra i suoi allievi Bettino Ricasoli, Gabriele D’Annunzio, Cesare Guasti, Curzio Malaparte.
Fonte: GLDI

Commission des Droits de l'Homme 19/04/12


Fonte: GODF

Conférence GLDF à Loches : l’initiation maçonnique, pour quoi faire ?

« Face à une interrogation de plus en plus forte sur le devenir de l’Homme et de la Société, face à une actualité qui tend à remettre en question la notion même de l’Humanisme, les conférences publiques sont un moyen d’échanges et d’éclairages sur de nombreux thèmes.
C’est dans cet objectif que la Grande Loge de France organise le mardi 17 avril 2012 à 18 h 30, une Conférence à la salle du Moulin des Cordeliers à Loches, en présence du Grand Maître de la Grande Loge, Alain-Noël Dubart.
Il s’exprimera sur le sujet : « La Grande Loge de France, l’initiation maçonnique, pour quoi faire ? ».
 Rendez-vous à 18h30 – entrée libre et gratuite (nombre de places limité)
Salle du Moulin des Cordeliers
37600 Loches

Fonte: GADLU

mercoledì 11 aprile 2012

CIRCULAR CIMAS N° 120/12



Fonte: CIMAS

Conférence de Guy Arcizet à Cognac : "Pour une Europe humaniste"



Le 14 avril 2012, Guy Arcizet, Grand Maître, se rendra à Cognac pour présider la conférence "Pour une Europe Humaniste". Le conférence sera suivie d'un débat.

Conférence- débat par
Guy Arcizet,
Grand Maître du Grand Orient de France 

« Pour une Europe humaniste »
Le 14 avril 2012 de 15h30 à 17h30

Palais des congrès La Salamandre
Allée de la Corderie
16100 Cognac

Entrée par la rue du 14 juillet

Coordonnées GPS :
Lat. 45.693
Long. -0.328


Renseignements : 14avrilgodfcognac@gmail.com

Fonte: GODF, Gadlu

XXII INTER-AMERICAN MASONIC GREAT ASSEMBLY



Fonte: GOB

sabato 7 aprile 2012

Buona Pasqua, Happy Easter, Joyeuses Pâques, Feliz Páscoa, Ondo izan Bazko garaian, Pask Seder, Bona Pasqua,  Gleðilig páskir,  Boas Pascuas, Frohe Ostern,  Prospera Pascha sit, Schéin Ouschteren, L-Għid it-tajjeb, God påske, Bonas Pascas, Wesołych Świąt Wielkanocnych!, 復活節快樂, 復活節快樂, Sretan Uskrs, Veselé Velikonoce, God påske, Vrolijk Pasen, Zalige paasdagen, Zalig Pasen, Bònn fèt pak, शुभ ईस्टर (śubh īsṭar), Glad Påsk, Schöni Oschtere, Selamat Paskah, Feliĉan Paskon, Boa Páscoa, Páscoa Feliz,  Paşte Fericit, Христос воскресе, ¡Felices Pascuas!.




GLNF en perte de relations et de reconnaissance…

La Grande Loge Régulière du Portugal ainsi que la Grande Loge d’Ukraine ont suspendu leurs relations avec la Grande Loge Nationale Française : la candidature de François Stifani retenue par le Souverain Grand Comité ne semble pas avoir entravé l’inéxorable série de suspension de reconnaissance et de relations de la part des Grandes Loges Régulières du monde. Le Myosotis Ligérien In English publie même une carte d’Europe avec la situation de la GLNF vis à vis des autres Grandes Loges Régulières Européennes au niveau des relations et reconnaissances.





Fonte: gadlu.info

venerdì 6 aprile 2012

Firenze Massonica, pubblicato libro matricola storica loggia Concordia.

Affiliati lo storico Pasquale Villari, l'esploratore Vittorio Bottego e lo scrittore Augusto Novelli
Deputati, senatori, sindaci e amministratori locali, imprenditori e banchieri. E ancora militari, docenti universitari, artisti, artigiani e professionisti. Nomi e cognomi dei massoni fiorentini dal 1861 al 1921 sono rivelati nel libro matricola (quasi mille affiliati) della Loggia Concordia, la più antica d'Italia, una delle poche di cui è conservato il registro degli affiliati. L'elenco, finora mai reso noto, è stato integralmente trascritto e pubblicato nel nuovo volume "Firenze massonica" (Polistampa, pp. 344, euro 25,00), in cui lo storico Fulvio Conti, docente all'Università di Firenze, illustra il passato della loggia fondata nel 1861 e ne delinea il ruolo svolto nella Firenze postunitaria.
Il libro, ricco di curiosità e corredato da un ampio apparato critico, coniuga bene il rigore scientifico al taglio divulgativo. Tra le personalità di spicco figurano Silvio Berti, il primo sindaco della città di estrazione non aristocratica, Frederick Stibbert, il grande collezionista inglese che donò la propria casa museo alla città, Pasquale Villari, lo storico e politico che visse a Firenze in esilio.
E ancora: il chiurgo Carlo Burci, l'anatomista e patologo Filippo Pacini, che vide e disegnò per primo il vibrione del colera, il conte Enrico Fossombroni, prima deputato e poi senatore, il democratico Giuseppe Dolfi, il garibaldino Massimiliamo Guerri, il banchiere Giacomo Servadio, l'artista Pasquale Romanelli, l'esploratore Vittorio Bottego e lo scrittore Augusto Novelli, autore delle popolari commedie "L'acqua cheta" e "Gallina vecchia".
Tra gli affiliati molti anche i titolari di aziende, botteghe o esercizi pubblici che hanno lasciato un'impronta profonda nell'immagine del capoluogo toscano, come il caffè Giacosa, il forno Balboni & Muller, la gastronomia Calderai. Nel 1861, pochi mesi dopo la proclamazione del Regno d'Italia, vide la luce a Firenze la loggia Concordia. Per oltre sessant'anni, fino all'avvento del fascismo, rappresentò la più importante organizzazione massonica della città.
La pubblicazione per la prima volta in edizione integrale del libro matricola della loggia contenente i nomi rappresenta una fonte di eccezionale valore storico, pressoché unica nel suo genere in Italia. Ne esce uno spaccato - e un'inedita chiave di lettura - della vita cittadina di grande interesse. Un libro che getta nuova luce sulla Firenze liberale e della Belle Epoque, rivelando i trascorsi massonici, spesso sconosciuti, di numerosi protagonisti della società civile e del mondo politico.

Fonte: GOI - ADNKRONOS

" Pitagora e Mazzini due uomini lontani nel tempo che si ritrovano nel Principio metafisico attualizzato dagli uomini".


Fonte:  Fr.·.Giannetto Giuseppe

mercoledì 4 aprile 2012

14 Avril 2012 - Conférences publiques: "Moi ?! Femme et Franc-Maçonne"

Moi ?! Femme et Franc-Maçonne
Avec la participation de Denise Oberlin, Grande Maîtresse
Samedi 14 avril 2012 à 15h30
Salle Gothique Bernard de Clairvaux
Place du Parvis Gautier de Mortagne à LAON
 
 Fonte: GLFF

Quelle morale laïque pour quelle République ?


Fonte: GODF